"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Piattaforma: PC

Sviluppatore: QUICKTEQUILA

Genere: Sparatutto in prima persona

Data di uscita: 31 luglio 2014

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Ho criticato dei giochi per avermi fatto imparare a memoria ogni livello. Raramente trovo più divertente risolvere i problemi al volo, o con una strategia premeditata. Ci sono alcuni giochi speciali, però, a cui rigioco nonostante la critica, attraversando il vento attraverso un delirio furioso, nonché la terra, mettendoli fra i miei preferiti. Uno di essi è Super Meat Boy, un altro è Hotline Miami, ed ora Lovely Planet si unisce a loro. Non è dello stesso calibro, ma è fantastico.

Lovely Planet è uno sparatutto in prima persona, ossia è giocato in una prospettiva in prima persona mentre si spara a delle cose, e condivide alcune caratteristiche con altri sparatutto moderni. Esso comprende 80 livelli (a meno che non ne abbia sbloccato qualcun altro N.d.r.), e sono tutti completabili in meno di un minuto. Superarli, tuttavia, richiede anche da 10 ai 100 tentativi, diciamo. Il numero di tentativi falliti non viene registrato, purtroppo, ma ho cronometrato circa sette ore solo per raggiungere la zona finale.

La tua "pistola" (un bastone, in realtà) spara una serie infinita di cubi viola che volano lentamente in linea retta. La precisione di tiro è meno importante di quanto mi piacerebbe, le pallottole non mantengono il loro slancio [...]. Lovely Planet è una prova brutale di precisione. C'è solo un modo per sopravvivere ai suoi percorsi ad ostacoli: riprovare più e più volte fino a quando hai memorizzato ogni movimento del polso, dall'inizio del livello fino al polo viola della fine. Questo gioco è progettato per gli "speedrunners" che sfrutteranno ogni bit di codice per radere millisecondi durante le loro corse, ma il solo finire un livello è una vittoria.

Alcuni dei motivi per cui si può morire o comunque fallire sono i seguenti: essere colpiti da un proiettile, essere colpiti da un "homing" (bisogna sparare a loro in aria), saltare troppo presto, saltare troppo tardi, sparare ad un personaggio neutro, non sparare ad un cattivo (per completare un livello bisogna eliminarli tutti), sparare a una piattaforma, distruggendola, su cui avete bisogno di saltare, toccare un blob rosso sul terreno, girare a sinistra quando si dovrebbe svoltare a destra.

 

 

Le cinque aree di questo gioco introducono dolcemente nuovi concetti, poi un'escalation di sfide che pensavo fossero errori. [...] Attraverso la forza bruta della ripetizione s'impara, cose del tipo: primo salto, utilizzare il controllo aereo totale di Lovely Planet, mitragliare, saltare, ripetere e passare al problema successivo. Più tardi, dopo aver eseguito tutti i salti delle sabbia e dopo aver sparato tre o quattro proiettili in aria nel giro di pochi millisecondi, mi sento più o meno come se avessi risolto la faccenda, simile a Matrix. La meccanica di questo gioco è così semplice che posso praticamente vedere il codice non appena un cubo homing si avvicina a me, dimezzando languidamente la sua distanza, fino ad arrivarmi in faccia. I nemici si comportano sempre allo stesso modo e la fisica pure non mi sorprende; questa prevedibilità rende Lovely Planet risolvibile sbattendo la testa finché non s'impara, fino a quando il pensiero cosciente non è sostituito da una pura maestria occhio-mano.

Superare un livello si avverte come fatto in una trance automatica, e ho anche apprezzato le tappe più crudeli, i polsi doloranti e tutto il resto. Il piacere che offre Lovely Planet è oscurato solo dalla sua presentazione. Ho avuto qualche problema tecnico con qualche crash in modalità finestra, dal momento che il gioco si è rifiutato di salvare l'impostazione della risoluzione, ma Lovely Planet è bello. Non mi dispiace che non abbia le opzioni grafiche per cose come l'illuminazione e le texture, e non mi dispiace la precisione di salto ed altre azioni che questo titolo richiede, perchè è allegro e carino. Ho pianto in passato per la mancanza di stile Nintendo nei giochi per PC, ma a differenza dei giochi Nintendo, in questo mondo non c'è nessun edificio corerente. Le belle aree di Lovely Planet si differenziano solo per piccole aggiunte come la palude avvolta dalla nebbia, per esempio, e sono strane ma indimenticabili. C'è qualche tentativo di narrazione nelle scene di intermezzo misteriosamente silenziose, ma non l'ho potuto seguire. E' più astratto rispetto a "30 voli da amare", e non così attraente come il gioco Katamari Damacy a cui si ispira.

Il sound design è un altro punto dolente. I "pshews pshews" dei miei proiettili ed i gemiti pigri dei cattivi quando muoiono mancano di vitalità, e questi ultimi sono a volte così soffocati dalla musica che non sono utili indicatori del fatto che il mio colpo sia andato a segno. Alla fine, ho spento la musica. Ogni zona ha un singolo brano a tema che si ripete, e mentre il battito del terzo territorio mi è piaciuto, non lo ha fatto il primo brano aggressivo. I menu che si navigano con la tastiera, in Lovely Planet, sono di pessima qualità, insieme alla sua presentazione limitata e povera di informazioni. Alla fine di un livello, a volte si ottengono delle stelle. Non so cosa significhino queste stelle. A volte ho azionato il WR, che ho pensato significasse "registrazione del mondo". Sono contento che le mie competenze MLG pro vengano registrate, ma non c'è nessun nome collegato alla registrazione dei tempi e manca una classifica. Non posso quindi confrontarmi con i miei amici o vedere come sia andata l'azione in un determinato livello.

 

 

Almeno so di essere il migliore, a patto che si ignorino tutti i livelli registrati, contro quasi nessun altro giocatore. Sono sicuro che i miei record verranno schiacciati da altri, ma superare un livello mi fa sentire come se avessi sfruttato qualche agilità impossibile, come uno stagionato insegnante di T'ai Chi, che mostra la sua mente sovrumana ed i controllo del corpo. Lovely Planet si aspetta da me cose che sembrano inizialmente assurde. Poi, alla fine di un livello, è difficile ricordare che avessi pensato a quanto fosse difficile, in un primo tempo. Il suo stile che implica rapide ripetizioni può essere estenuante, ma imparare, riuscire, e padroneggiare i trucchi di salto e di perfetta mira e tiro dei proiettili è bellissimo.

Fonte: pcgamer.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK