"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

Piattaforma: PC

Sviluppatore: Monolith Productions

Genere: FPS a Tema Paranormale

Data di uscita: 13 Febbraio 2009

Modalità: Singleplayer + Multiplayer (non più praticabile a causa della chiusura di Gamespy)

Supporto per il controller: No

Uscito a quattro anni di distanza dal suo predecessore, FEAR 2 narra eventi paralleli a quelli del primo, tramite un altro personaggio, ed un’altra Squadra F.E.A.R. Il gioco inizierà con una missione di custodia cautelare per Genevieve Aristide, che verrà bruscamente interrotta dall’esplosione della centrale in città.

Volendo parlare tecnicamente di questo gioco, ha alti e bassi.

L’audio, per quanto sia paradossale, probabilmente è molto più importante della grafica. In questo gioco la seconda eccelle, rivelandosi ancora fresca e di buona qualità 6 anni dopo, mentre il sonoro lascia fortemente a desiderare, con volumi sbilanciati ed un doppiaggio italiano non la top. La Soundtrack, invece, è composta da tracce riciclate dal primo, e nuovi brani.

Il gioco in sé è piuttosto breve, ma suppongo che con il DLC si arrivi alle 12 ore.

 

 

Ora passiamo al Gameplay…

I movimenti del personaggio sono abbastanza imprecisi, il corpo a corpo è diventato inutile, la tensione non esiste più e le fasi horror sono noiose e con jumpscare che non spaventano. Inoltre, le telefonate sono state sostituite da troppi e noiosi documenti scritti, l’IA è mediocre, non si può più fare Dual Wield con la pistola, e la prima metà di gioco è noiosa e poco intrigante.

I punti di forza, invece, sono molteplici, e probabilmente riescono a far chiudere un occhio su quasi tutti i difetti.

 

 

Le meccaniche sono simili al primo, con qualche aggiunta interessante, come sollevare degli ostacoli per liberare il cammino e crearsi delle coperture capovolgendo degli oggetti. Si possono portare fino a 4 armi, a differenza delle 3 del predecessore. C’è qualche nuova location, è abbastanza variegato (anche se non come l’originale), c’è qualche fase dove si controllano dei Mech, ed è abbastanza spassosa come cosa, ed il penultimo livello è qualcosa di fenomenale. Inoltre, la difficoltà è veramente molto altra, superiore che in passato, rendendo quindi possibile giocare una sfida abbastanza ‘’Hardcore’’, nel caso qualcuno volesse azzardarsi a giocarlo in Difficile. Come già menzionato, le meccaniche sono simili a F.E.A.R. 1, tuttavia, è molto più vicino ad uno sparatutto moderno, con eventi scripati e QTE.

Il ‘’sistema di copertura’’ può essere considerato un pregio, tuttavia è inutile per il giocatore quanto è abusato dall’IA. Spesse volte, infatti, mi è successo di abbattere una copertura che serviva più ‘’da copertura’’ com’era prima.

Discorso a parte per il finale, che è confusionario quanto inaspettato, e lascia molte domande senza risposta.

 

 

Insomma, il resoconto è che è un buon Action, ma un pessimo Horror. Ha qualche lacuna tecnica, come ha qualche spunto interessante. Non saprei dire se effettivamente è un degno successore del titolo originale… probabilmente no, visto com’è snaturata la componente horror in soli quattro anni, subito dopo il gioco che ha terrorizzato migliaia di giocatori. Ad ogni modo, penso che chi ha giocato il primo si divertirà anche con questo, a patto di non aver troppe pretese ed accettare la svolta Action della saga.

Voto: 7.6

Autore: Francesco

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK