"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Piattaforma: Xbox One

A differenza dei suoi predecessori, Metal Gear Solid 5: Ground Zeroes è più breve, Evita scene lunghe, combattimenti con i boss ed i soliti fili di una trama sfilacciata e aggrovigliata, il tutto a favore di un gameplay tattico ed intelligente. Mentre la campagna principale dura circa due ore, la moltitudine di opzioni per attraversare un'esperienza coinvolgente e tesa, incoraggia la rigiocabilità per ore. A parte un finale un po' maldestro, questo è un Metal Gear per i gusti moderni, il divertimento è nella media e piuttosto perfido. La trama centrale di Metal Gear Solid 5: Ground Zeroes si concentra sule solite preoccupazioni per via di complotti politici ed agenti in conflitto. In effetti la storia è più oscura di quanto ci si aspetterebbe. Ci sono state alcune voci a proposito del direttore creativo Hideo Kojima di muoversi in un territorio più grintoso e provocatorio, e questo si è in effetti verificato. Mentre apprezzo queste ambizioni, soprattutto perchè la serie è stata spesso indicata come un qualcosa che si sposta verso il cartone animato, ho trovato la fine particolarmente crudele e provocatoria.

Questo gioco funge da prologo per Metal Gear Solid V: The Phantom Pain e si svolge un anno dopo gli eventi di Metal Gear Solid: Peace Walker. La storia tuttavia passa in fretta, anche se si può prendere un po' di tempo per aumentarne la durata.

Per la prima volta in un gioco Metal Gear, l'avventura è non-lineare, e si svolge in una prigione militare americana nota come Omega Base. Si tratta di un piccolo sandbox, dove i corridoi e le stanze ingombre di contenitori opportunamente collocati, che erano abituali nei titoli precedenti, sono stati sostituiti con un tentacolare ecosistema funzionale, ricco di aree industriali aperte e campi densamente popolati, circondati da un mare in burrasca.

Metal Gear Solid 5: Ground Zeroes è visivamente impressionante, ed Omega Base è realizzata meravigliosamente, indipendentemente che si giochi su una console PS4 o su una Xbox One. Si tratta di un mondo dettagliato in maniera pulita, e cambia in funzione del tempo. L'Omega Base della campagna principale è un isolato carcere in stile John Carpenter, fradicio di pioggia e pieno di segreti nascosti e minacce, anche se a volte alcune operazioni si svolgono sotto un forte sole, mettendo in evidenza dettagli incredibili per quanto riguarda la fauna e la flora, ma rischiando di farti scoprire. Questo gioco è così abile a creare tensione che a volte mi è sembrato di giocare ad un survival-horror. Boss non è mai stato più flessibile, in grado di rotolare e saltare a sparare, in linea con i migliori giochi d'azione ed avventura in terza persona di oggi. I nemici sono intelligenti ed abbondanti, alla luce forte del giorno reagiscono ad ogni piccolo movimento o spostamento dell'ombra, soprattutto in modalità "hard", diventando più efficaci nel loro pattugliamento.

Per contrastare tutto ciò abbiamo un paio di utili vantaggi tecnologici: un binocolo che consente di segnare i nemici e di monitorare i loro movimenti e l'iDroid di Boss, che raccoglie informazioni sulla mappa e la missione. Ad ogni modo spetta a voi come utilizzare il terreno per passare indenni attraverso un'area. Se si vuole, si può comunque utilizzare il metodo "pistole spianate", tuttavia questo approccio può essere penalizzante. La modalità stealth è ancora il punto di forza di Metal Gear, e premia il giocatore con oggetti sbloccabili e punteggi elevati se evita le uccisioni. Questo gioco offre così tante opzioni d'infiltrazione che ho trovato l'approccio stealth il più soddisfacente per giocare. Ad esempio, un'ottima operazione secondaria vede Boss che deve comunicare con un agente sotto copertura in mezzo alla folla. Mettete tutti gli altri a dormire con una pistola tranquillante? Lo seguite da lontano con un veicolo, per poi attaccarlo alle spalle? Lo mettete a dormire, prima di trascinarlo nell'ombra e svegliarlo a calci? Boss è grazioso quando sta sfrecciando dentro e fuori dal suo nascondiglio; gli blocca il collo, usa un dardo tranquillante e lo mette silenziosamente a terra.

 

 

Un paio di missioni secondarie incoraggiano un approccio più forte. In una di esse Boss deve proteggere un VIP in elicottero, e nell'aria deve fare saltare in aria un po' di cose. Sbloccare le missioni secondarie, specifiche per console, dà un piacere breve ma nostalgico, offrendo inoltre un modo sorprendentemente teso e divertente per ripetere la missione principale. Metal Gear 5: Ground Zeroes è un gioco breve ma impegnativo, e coloro che sono disposti a mettere da parte le aspettative convenzionali troveranno molto di più di quanto possa mostrare uno sguardo superficiale. Questo gioco inizia un'era nuova e sofisticata di Metal Gear.

Fonte: ign.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK