"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Piattaforma: Wii U

Negli ultimi tempi l'interesse per la console Wii U di casa Nintendo sembra essere un po' calato, per varie ragioni, soprattutto per il confronto con le più potenti PS4 e Xbox One. In effetti anche le vendite di questa game-machine sono calate, anche per la carenza di titoli veramente entusiasmanti, ma le cose potrebbero migliorare. Super Mario 3D World, infatti, è il miglior gioco uscito finora per la Wii U, ed uno dei più belli in generale degli ultimi mesi. Si vede finalmente Nintendo gonfiare i muscoli, nel momento in cui questo è più necessario, con un titolo degno di questa azienda, creativo e giocoso.

In genere Nintendo utilizza i suoi titoli Super Mario 3D come vetrina per il nuovo hardware, e questo avrebbe potuto essere un problema per la grafica di Super Mario 3D World. Piuttosto che cercare di reinventare la ruota, il gioco trae maggiormente ispirazione da Super Mario Land 3D del 2011, un fantastico gioco per il 3DS che sorprese molti giocatori.

Entrambi i titoli condividono la stessa prospettiva isometrica ed il semplice controllo ad otto direzioni; si tratta fondamentalmente di un ibrido fra il Mario 2D e quello 3D. Anche se questa formula è collaudata, qualcuno potrebbe forse sentirsi un po' deluso dal fatto che non si tratta di un progetto rivoluzionario per la Wii U.

Ad ogni modo Super Mario 3D World colpisce già dalla sequenza di apertura. Anche se la grafica in generale è simile a quanto visto in passato, quasi ogni livello è pieno d'inventiva. Come per quanto accadde con i vertiginosi giochi della serie Super Mario Galaxy, Nintendo è più che felice d'introdurre una tipologia di gameplay completamente nuova, solo per disfarsene dopo un unico livello, e questo approccio assicura che questo gioco non risulti mai prevedibile o noioso. Potrai cavalcare rapide e bianche acque sulla cima di un amichevole dinosauro, imparare ad utilizzare i salti per spostare delle piattaforme che appaiono al tempo di una colonna sonora disco-funk, nonché guidare Mario su una pista del tipo Super Mario Kart, con la velocità di uno dei primi Sonic the Hedgehog. Tutto questo, inoltre, senza rovinare alcune delle più folli imprese che vi aspettano.

L'accuratezza dei controllo ed il livello grafico elevato sono ormai uno standard per Super Mario, ed i giochi di maggior successo di questa serie sono quelli a cui meglio si applicano nuovi elementi al modello già esistente. In base a questo, Super Mario 3D World è un successo clamoroso. Si può scegliere di giocare con uno dei seguenti personaggi: Mario, Luigi, La Principessa Peach e Toad. Ognuno di essi ha alcune sottili differenze nel controllo; Luigi ad esempio permette di effetuuatre salti più potenti di Mario, e Peach è in grado di librarsi a mezz'aria, una caratteristica che la rende veramente forte. Ad ogni modo questo quartetto può essere, naturalmente, controllato fino ad un massimo di quattro giocatori diversi, offrendo quindi per la prima volta la possibilità di un multiplayer cooperativo.

I nuovi power-up risultano inoltre dei veri e propri classici. Cat Mario, ad esempio, rappresenta una delle abilità più simpatiche e potenti che questo idraulico italiano abbia mai raggiunto, consentendogli di scorrazzare sui lati delle mura, di attaccare Goomba con i suoi artigli e di scalare le aste di fine livello fino in cima, per ottenere il massimo dei punti. Doppio Mario, inoltre, è un'aggiunta che crea dei cloni in grado di affiancare Mario e di rispecchiare ogni sua azione. A volte è un vantaggio, ma spesso mi ha provocato rabbia per riuscire a controllare fino a cinque Mario alla volta. Nintendo ha progettato specificamente determinati livelli per untilizzare questo tipo di abilità, e me la sono un po' presa con la società di Kyoto per avermi dato questo "potere". Ad ogni modo, quando uno dei cloni muore, ciò non viene contato come una vita perduta. Qesta abilità è anche un ottimo modo per gestire alcuni livelli che sono stati progettati per più personaggi; anche se Super Mario 3D World, in genere, va considerato un gioco "single player", c'è questa rara possibilità di sentire la mancanza di collaborazione in alcuni livelli.

Super Mario 3D World non rappresenta tuttavia una vetrina per la principale caratteristica innovativa del Wii U, ossia il GamePad. A volte occorre manipolare oggetti con il display touchscreen ma questi eventi sono piuttosto rari, quindi la maggior parte di questo titolo può essere giocata con un normale controller. In realtà ho trovato molto più comodo il trascurato ma eccellente Wii U Pro Controller, per la maggior parte del tempo. Il GamePad è comunque ottimo per giocare senza necessariamente avere il televisore acceso, anche se io non lo consiglio; la visuale tende ad essere troppo rimpicciolita per essere confortevole. Inoltre relegare questo gioco sullo schermo a bassa risoluzione del GamePad non è l'ideale, perchè si perde la sua bellezza grafica. A proposito di questo va ricordato che la console Wii U, pur non avendo potenzialità grafiche come le sue concorrenti "next-gen" di Sony e Microsoft, è ben impiegata da Nintendo. Super Mario 3D World è la prova di quanto si sia ottenuto implementando la grafica in HD sulla Wii U, contrariamente a quanto accade con la Wii. La potenza in più di questa console fornisce una tela perfetta per il vivace stile artistico del regno dei funghi.

I colori sono luminonosi, i personaggi simpatici, le texture deliziose, ed è difficile immaginare quanto meglio potrebbe apparire Super Mario 3D World su una macchina più potente. Il frame-rate si mantiene fluido sui 60 fotogrammi al secondo e, anche se questo gioco non richiede accorgimenti tecnici di titoli come Killzone: Shadow Fall, i risultati sono splendidi. Merita un'ulteriore menzione la brillante quanto varia colonna sonora, anche se non è maestosa come quelle di Super Mario Galaxy; rappresenta comunque un miglioramento rispetto alle note un po' "retrò" delle ultime versioni di Mario.

Super Mario 3D World non rappresenta solamente un'ancora di salvezza per la console Wii U. Solitamente i giochi in 2D di Super Mario sono migliori dei loro omologhi in 3D, e gia questa macchina poteva contare sul mediocre New Super Mario Bros. U. Inoltre, con l'altrettanto magnifico The Legend of Zelda: A Link Between Worlds, Nintendo si conferma uno dei migliori sviluppatori di videogiochi al mondo, ed il Wii U senza dubbio in futurò potrà far girare dei titoli in cui viene messa la medesima attenzione ai dettagli. In sostanza questo gioco è finalmente un titolo "must-play" per richiamare l'attenzione sulla Wii U.

Fonte: theverge.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK