"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

La società Nintendo ha in esclusiva alcuni dei franchise di videogiochi più noti ed amati del mondo, raccolti in una libreria enorme di giochi che riempiono di ricordi nostalgici e che coprono vite intere di giocatori. Questa è l'essenziale ragione per cui la maggior parte dei fan Nintendo è disposta ad acquistare i medesimi giochi (o quasi) più vole per console diverse.

Essere collezionisti di dischi, oppure acquirenti presso la Virtual Console o compratori di remake per 3DS, non cambia la sostanza, dal momento che titoli come Zelda: Ocarina of Time conquistano ad ogni nuovo rilascio.

Finchè il prezzo di queste versioni ripetute rimane abbordabile, Nintendo può avere il mio denaro in cambio di questi classici. Tuttavia Nintendo dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di permettere il download multipiattaforma di questi giochi, sarebbe una cosa giusta e senza tante strane complicazioni.

Ad esempio, oggi Super Mario Bros. 3 è disponibile su Virtual Console sia per il 3DS sia per la console Wii U. Sembra incredibile, vero? Nel caso un giocatore possieda entrambe le console e compri la versione per il 3DS. Sarebbe perfettamente ragionevole che possa avere anche quella per Wii U con il medesimo account. Tuttavia questo non è possibile, perché Nintendo vuole che questo giocatore debba acquistare entrambi i titoli a prezzo pieno. In sostanza, occorre pagare due volte lo stesso gioco su una rete collegata che condivide informazioni per entrambe le console, il che sembra in effetti sbagliato.

Sony, invece, ha adottato una politica diversa, dal momento che è possibile comprare dei giochi classici, come Final Fantasy VII o Gex 3 sul Playstation Store e giocarli anche con console diverse, senza dover sborsare ulteriore denaro.

Un altro strano esempio che riguarda Nintendo è il seguente: è disponibile un gioco RPG classico, Golden Sun per Game Boy Advance, ma solo su Wii U. Strano, non è vero? In effetti Nintendo sta adottando regoli un po' troppo rigide quando si tratta di versioni scaricabili di giochi classici. Tutto ciò assomiglia un po' alla selezione che la Disney fa dei suoi classici in base alla domanda del mercato.

 

 

Fonte : gamesradar.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK