"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Qualcuno di voi si ricorderà di quando il gioco online World of Warcraft superò i sette milioni di abbonati. Quesi giorni paiono ormai come un lontano ricordo. In seguito se ne aggiunsero altri, ma nel 2014 il MMORPG sviluppato da Blizzard si assesta sui 7,6 milioni di abbonati, confermando un segno di arresto ed un trend addirittura al ribasso.

Fra gennaio e marzo del 2014 questo gioco ha infatti perso 200.000 abbonati; mentre questa non è la principale causa di proccupazione, lo è vedere questo titolo, una volta inarrestabile, continuare la tendenza al ribasso. Una delle cause è probabilmente la lentezza con cui a questo titolo vengono implementati nuovi contenuti. La serie Mits of Pandaria è infatti quasi terminata. Bisogna vedere cosa accadrà con l'aggiunta Warlords of Draenor.

 

 

Fonte: gamezone.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK