"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel è stato a lungo in preparazione, e questo nuovo e fresco racconto è una rivitalizzazione trionfale per la serie. Stira la tua divisa, perché stai per essere istruito su questo sottovalutato gioiello di RPG.

Sono stato un fan dei giochi di ruolo di Nihon Falcon si da quando ho giocato a Faxanadu per NES e ad Ys per PC quando avevo circa sei anni. Solo anni dopo, quando mi hanno regalato una PSP, ho scoperto la serie The Legend of Heroes. Come è avvenuto per altri giochi localizzati per il Giappone, è stato rilasciato in un ordine tale che, in realtà, il primo era il secondo della serie, e viceversa. Per fortuna, io li ho giocati nell'ordine corretto. In ogni caso, il mio amore per la serie ha raggiunto un livello completamente nuovo quando ho giocato a Trails in the Sky. La storia complessa, un gameplay semplice e stimolante, nonché personaggi accattivanti, lo hanno reso un classico ai miei occhi. Ora che mi è arrivato il pre-ordine di Trails of Cold Steel per PlayStation 3, so a cosa giocherò, durante le prossime settimane del mio tempo da spendere per giocare.

Al momento in cui scrivo questo articolo, ho finito solo l'introduzione, così come il prologo, quindi ho un lungo cammino davanti a me. Finora mi è piaciuto il cast dei personaggi e l'interessante premessa. In sostanza, la storia comincia cinque mesi nel futuro, quando vi ritrovate nel mezzo di una guerra. Non è spiegato molto, ma il fatto che le cose inizino in questo modo in un punto teso della storia, sicuramente, mi rende felice nel vedere quello che verrà. Il prologo ha coinvolto il personaggio principale (Rean Schwarzer), che è arrivato al suo primo giorno nell'Accademia Militare di Thors. Si imbatte nella compagna di studi Alisa Reinford e si chiedono perché abbiano uniformi rosse, mentre altri studenti sono vestiti di bianco e di verde. Tutto viene presto spiegato e così si parte per l'aula. Spero che Rean non arrivi in ritardo...

 

 

Dopo l'orientamento, Rean e Alisa, così come gli altri sette studenti vestiti di rosso, si separano dal resto dei loro compagni. Poi tutti incontrano l'istruttrice Sara, che spiega generalmente perché noi componiamo la classe VII. Le classi 1 e 2 sono per gli aristocratici e le classi 3 e 5 sono costituite da gente comune. Allora, dov'è la classe VI? In ogni caso, Sara ha poi premuto un pulsante che ha fatto aprire sotto di noi il pavimento, facendoci cadere in una prigione sotterranea, che agisce come introduzione alla classe VII. Man mano che abbiamo attraversato questi sotterranei, abbiamo incontrato alcuni nobili che non amano essere associati ai cittadini regolari, ed alcune persone normali che non sopportano il fatto che la nazione, in realtà, sia un sistema basato sulle classi. Anche se questa è una dinamica interessante che ha il potenziale per consentire lo sviluppo dei personaggi, mi auguro che alla fine ci saranno questioni più serie. Tuttavia, i personaggi sono così unici e divertenti da guardare che andrà tutto bene in ogni caso.

Quando si tratta di gameplay, ho solo avuto un senso generale di come sia il sistema di combattimento, ma posso già dire che è impressionante. Le battaglie vengono eseguite in modo simile a Chrono Trigger, in cui i personaggi si muovono ed eseguono le abilità che possono danneggiare più nemici in linea o in un raggio d'azione. Le abilità sono divise in Arti e Mestieri, e credo che sia piuttosto divertente. Posso solo immaginare Rean che dipinge con il dito nel bel mezzo di una battaglia, ma sto divagando. Ogni personaggio ha un'arma unica che corrisponde alla sua personalità, e che gli permette di combattere in un modo completamente diverso. Queste armi hanno degli slot per delle sfere che le potenziano e danno nuove abilità, proprio come fa la Materia in Final Fantasy VII. Pensando a tutte le possibilità di combattimento, sono impaziente di continuare il mio viaggio.

Una volta raggiunta la fine del dungeon del prologo, un gargoyle è il boss della zona. Dopo averlo sconfitto, l'istruttrice Sara si congratula formalmente con noi per essere la prima classe VII. Spero che vi sia piaciuto leggere l'esperienza che ho avuto finora con Trails of Cold Steel.

Fonte: videochums.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK