"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Con grandi richieste e clamore da parte dei fan, Nintendo sta finalmente per rilasciare un nuovo gioco di Star Fox, chiamato Star Fox Zero. Con nostra grande sorpresa, si tratta di un gioco completamente concentrato sull'uso del GamePad per Wii U. Questa potrebbe essere sia una cosa buona sia una cattiva, tutto sommato. Dopo la demo all'E3 di Nintendo, non sono sicuro di entrambe le possibilità.

Nel corso della sezione di gioco dei tre livelli della demo, i gregari controllati dal computer mi avevano colpito, con similitudini a Star Fox 64. Prima ancora di cominciare a giocare, qualcosa si sentiva fuori posto. Siamo stati spinti a tenere il GamePad della Wii U con entrambe le braccia tese, come se dovessimo guardare in uno specchio per prendere la mira e sparare ai nemici. Quando la demo è iniziata, ho invece deciso di guardare il monitor, che si è rivelato tutt'altro che preciso, ma almeno avevo i miei occhi su uno schermo, invece di passare continuamente lo sguardo da uno all'altro. Si tratta di un compromesso che sembra un enorme passo falso.

In un gioco come Stra Fox, avere dei buoni controlli è fondamentale. La maggior parte dei titoli della serie ha mantenuto questo andamento, con Star Fox 64 che è il migliore in assoluto sotto tutti gli aspetti. L'inclusione dei controlli del GamePad della Wii U si sente come un passo nella direzione sbagliata, soprattutto perché la tavoletta della Wii U si sente ingombrante per giocare, fin dall'inizio. Possiedo una Wii U da un paio di anni, e ancora non sono abituato a usare questa cosa per i giochi, soprattutto perché è lontana dal grande design ergonomico di ciò che è venuto prma di essa. Eppure, ci sono giochi che hanno fatto un uso fantastico delle sue limitate capacità.

 

 

Da quel poco che ho potuto giocare, Star Fox Zero non si sente come uno di questi giochi. Potrei essere smentito quando il gioco uscirà, entro la fine dell'anno, durante le vacanze, e certamente lo spero. Purtroppo, il puntamento ed il volo non sono stati gli unici problemi che ho avuto, durante la limitata sessione di gioco all'E3. I comandi di movimento per le acrobazie erano un po' contorti. Questo gioco sembra un po' troppo come un rifacimento di ciò che Star Fox 64 aveva già fatto così bene quasi 20 anni fa. Trasformare la mia nave in diverse varianti, a volontà, invece di dover attendere livelli specifici progettati per le loro capacità speciali, sembra abbastanza innovativo, immagino, come la sezione nello spazio profondo a cui ho giocato, per quanto sia stato divertente essere deriso dal rappresentante di Nintendo nel vedermi giocare.

Comunque, sono abbastanza fiducioso per quello che Platinum Games può fare con un franchise amato come Star Fox. Forse quello che è stato mostrato all'E3 un paio di settimane fa era solo un piccolo assaggio di qualcosa di incredibile? Solo Fox McCloud lo saprebbe, a questo punto, e l'ultima volta che lo vidi era occupato a giocherellare con il GamePad.

Fonte: entertainium.org

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK