"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Per due anni ci siamo chiesti cosa sia Quantum Break in realtà. Dopo averlo visto, ora sono preoccupato che Quantum Break sia uno sparatutto blando con interruzioni, episodi di cattiva televisione, alla durata di 20 minuti, alla fine di ogni capitolo. Dovrebbe essere migliore.

Si gioca nei panni di Jack, un uomo che ha dei superpoteri da quando è stato troppo vicino ad una macchina del tempo che è esplosa. Poco dopo l'esplosione suo fratello, che ha costruito la macchina del tempo, viene ucciso da qualcuno che proviene da 17 anni avanti nel futuro. Quantum Break è un gioco che a volte è uno sparatutto, a volte un platform, aumentando il tutto con i tuoi poteri temporali. E' possibile interrompere brevemente il tempo, accelerare il tuo movimento, nasconderti dietro una copertura e circondarti con una bolla che fa da scudo con il suo tempo rallentato. Si può anche lanciare una palla temporale che fa esplodere le cose. (Remedy non ha ancora spiegato perché il tempo faccia esplodere le cose, o come possa essere una palla.)

Il presentatore che ha messo in esecuzione la demo ha mostrato uno scontro a fuoco contro alcuni sicari assoldati. Stava facendo uso di tutti i poteri a sua disposizione, buttandosi contro i nemici per colpirli con attacchi corpo a corpo di fantasia, mettendo in pausa il tempo per sparare ai sicari alle spalle, e facendo inspiegabilmente esplodere le persone con le palle di tempo. Tuttavia non era emozionante da guardare. Nessuno di questi poteri è nuovo. Sembrano belli in Quantum Break, ma non si sentono originali come il Bullet Time di Max Payne, quando Remedy iniziò ad usare la manipolazione temporale 14 anni fa. A differenza del Bullet Time, in Quantum Break ci sono dei nemici che indossano delle tute speciali che li proteggono dai tuoi poteri temporali. La loro presenza complicherà le scaramucce, ma è sufficiente precipitare su di loro e sparagli addosso con un fucile da caccia. Ancora una volta, i nemici speciali che neutralizzano le vostre capacità non sono una novità.

 

 

Al di fuori dei combattimenti è possibile utilizzare le vostre capacità per risolvere dei puzzle ambientali. La demo è iniziata con Jack che insegue il cattivo, Paul Serene, attraverso un cantiere navale. Paul fugge in elicottero, ma prima di andare via lancia una bolla temporale contro una delle navi vicine a Jack. Anche Paul, per qualche ragione, ha dei poteri temporali. Forse è stato anche lui vicino ad una macchina del tempo che esplodeva. Il cantiere comincia a crollare, variando da uno stato in cui è a posto ad uno in cui è crollato. Il percorso è stato fra file di container che apparivano e scomparivano, mentre si saltava fra quanto sembrava essere prima e dopo il crollo. Utilizzando Jack che precipitava e mettendo in pausa il tempo, il nostro presentatore è stato in grado di risolvere la situazione senza essere schiacciato. Graficamente, l'intera sezione platform sembrava buona, soprattutto con l'effetto ambientale del saltare fra i diversi stati. Tuttavia è difficile entusiasmarsi per un altro platform in cui si controlla il tempo.

L'altra metà di Quantum Break è la serie televisiva che divide i capitoli del gioco. Alla fine di ogni capitolo c'è una cosa chiamata "Junction Point". Lì il controllo passa a Paul, il cattivo. Hai preso delle scelte, ed ora le tue decisioni si riflettono sull'episodio seguente. Ad esempio, in un caso si può scegliere fra essere "Hardline" o "PR". (Due termini che non ti informano esattamente in merito alla decisione che stai prendendo.) Questa decisione avrà delle conseguenze nell'episodio. Se si sceglie "Hardline" l'episodio includerà una scena in cui gli uomini di Paul catturano un testimone dei loro atti più clandestini. Piuttosto che rischiare che racconti tutto alla gente, lo eliminano. Se si sceglie "PR" si vedrà una scena diversa, in cui gli uomini di Paul minacciano la sicurezza della sua famiglia e la persona in questione sarà d'accordo per aiutarli. Questa persona sarà poi un personaggio della storia che avrà degli effetti sul gioco.

Anche se è un'idea interessante, in Quantum Break sembra fuori luogo. Il protagonista sembra interrompere il gioco, invece di attraversarlo. In Max Payne ed in Alan Wake, le serie televisive facevano parte del mondo ed erano informazioni per la finzione, ma non insistevano per prendere 20 minuti del vostro tempo, dal momento che si potevano saltare. In Quantum Break devi solo mettere da parte il controller e guardare. Quello che si vede, inoltre, non sembra neppure molto buono. Pur essendoci attori come Aidan Gillen e Lance Reddick da The Wire e Dominic Monaghan da Il Signore degli Anelli, le prestazioni nelle scene che ci hanno mostrato erano, come le sparatorie, sorde. Non ha aiutato il fatto che la sceneggiatura era piena di cliché.

Il giochi di Remedy hanno sempre avuto una sceneggiatura Hammy, anche se in Max Payne ha funzionato il tema noire. Quantum Break sembra essere un serio tentativo di fantascienza, ma non è grande. Volevo davvero essere eccitato per Quantum Break, ma la demo mi ha lasciato deluso. Che cosa potrebbe salvarlo? La serie e il gioco devono essere strettamente integrati, le sparatorie vivaci e soddisfacenti e la parte platform ridotta al minimo. C'è ancora tempo.

Fonte: kotaku.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK