"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

The Order: 1886 è un gioco che riscrive la storia, con l'introduzione di una visione unica dell'epoca vittoriana a Londra, in cui l'uomo utilizza una tecnologia avanzata per combattere un nemico potente ed antico. Questo gioco sembra essere un giro drammatico, emotivo da mangiarsi le unghie, che semplicemente non era possibile realizzare in qualsiasi generazione di console precedente.

Abbiamo visto molte cose di The Order: 1886 nel corso delle ultime settimane, con Sony che faceva dilagare la sua campagna di marketing e, nel complesso, il gioco vive finora in questa campagna pubblicitaria. Di seguito ci sono gli aspetti più pubblicizzati di The Order: 1886. Per cominciare, il gameplay ed i controlli sono incredibili. La meccanica degli sparatutto in terza persona è notoriamente difficile da ottenere, soprattutto quando si tratta di muoversi fra le coperture. Gears of War aveva praticamente inchiodato il controllo in terza persona, e The Order: 1886 si sente molto simile, con i controlli facili da imparare e ad abituarsi.

Un altro buon aspetto di The Order: 1886 è la sua grafica, che è assolutamente stupefacente. Non solo in termini di fedeltà grafica e dettagli, ma anche in termini di design artistico. Il gioco ha una grande atmosfera ed il remake dell'epoca vittoriana è stato realizzato molto bene, con la creazione di un mondo credibile. Combinando la potenza grafica del gioco con i suoi modelli dei personaggi realistici ed un approccio stilistico sempre widescreen, The Order si sente veramente come un'esperienza cinematografica, proprio del tipo in cui si controllano degli eroi che combattono per salvare il mondo.

Uno sparatutto in prima persona è nulla senza le sue armi, e The Order: 1886 ha un'impressionante quanto seria potenza di fuoco, che sembra in grado di offrire dei colpi di scena spettacolari rispetto a quanto visto in precedenza. I giocatori troveranno un assortimento di giocattoli pericolosi che possono soddisfare facilmente sia un eroe del futuro sia questi cavalieri del passato; si va dalla Essex M2 / Pn83 Falchion Auto-Rifle con funzionalità multiple, alla Termite Gun, che è l'ideale per i grandi nemici. Un'aspetto che sarebbe dovuto essere minore, è quello degli eventi quick time. Questi hanno dilagato nei giochi degli ultimi anni, e The Order: 1886 segue questa tendenza. Sono ben realizzati, ma in qualche modo sono sempre riusciti a portarci fuori dalla storia, piuttosto che immergerci uleriormente nel gioco e nel suo mondo.

 

 

Questa innovativa e veramente coinvolgente storia alternativa, si svolge nella Londra dell'epoca vittoriana, in un momento in cui la rivoluzione industriale ha cambiato il volto del mondo. Corre energia elettrica in tutta la città di Londra, un sistema di metropolitana di nuova concezione serve i suoi quartieri, mentre dirigibili pattugliano i suoi cieli. Al centro di The Order: 1886 vi è una guerra secolare fra gli uomini e gli half-breed. Si tratta di un popolo intelligente, ma anche selvaggio, che ha dimostrato di essere un nemico spietato dell'umanità. Nel 1886 i progressi della tecnologia, dovuti ad inventori come Nikola Tesla, hanno dato all'uomo un vantaggio in questa guerra. Equipaggiato con armi potenti come i fucili termite incendiari e le pistole elettriche Arc, l'Ordine gira costantemente per affrontare la marea degli ibridi. Ma una nuova minaccia sta progredendo a Londra, una rivolta populista, radicata nella "classe affondata" dei grintosi, oppressi nelle strade di Whitechapel.

Anche se ci sono voci che affermano che la trama di The Order: 1886 durerebbe solo cinque ore, Jan dice che la durata del gameplay è la stessa di qualsiasi altro sparatutto in terza persona. Nel linguaggio dei gamer 8 - 12 ore. Combattimento, attraversamento e cinematografia si fondono insieme in modo da evitare spostamenti bruschi o lunghe pause durante le transizioni di gioco che compirà il giocatore. Ci aspettiamo che il gioco offra un mostro di sfida alla difficoltà estrema, il che dovrebbe permettere di giocarlo un bel paio di volte. Anche quando si guardano solo i progressi di gioco, siete ancora in grado d'interagire in piccoli modi, come ad esempio la manipolazione di oggetti o il cambio del punto di vista durante le scene tagliate.

In The Order: 1886 ci sono numerosi nemici, che vanno da inzaccherati pazienti mentali a ribelli Streetwise, da mercenari assunti dalle Società alle giubbe rosse del Regio Esercito. Ma a prescindere dalla loro appartenenza, i vostri nemici umani sono divisi in sei classi distinte: Soldier, Leader, Shotgunner, Grenadier, Sniper e "pesanti". Indipendentemente dalla fazione, i nemici di una particolare classe tendono tutti a comportarsi più o meno allo stesso modo, anche se ribelli, mercenari o soldati.

Fonte: gameswiki.net

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK