"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

Sono passati ormai quattro anni dal rilascio di Just Cause 2. I fan di questo gioco, sono quindi da molto tempo in attesa del sequel. Tuttavia, sembra che questa attesa stia per finire, dal momento che il direttore creativo del gioco Christopher Sundberg, in un tweet, ha accennato ad un nuovo titolo della serie, che però è ancora in fase iniziale, e che potrebbe essere Just Cause 3. Il secondo titolo di questo franchise è stato un gioco incredibile, con un mondo enorme da esplorare e con ciascuna zona avente molti obiettivi specifici da raggiungere. La caratteristica principale era il rampino, che poteva essere utilizzato per scalare alti edifici, afferrare aerei, barche, auto, moto ed elicotteri. Attualmente, Avalanche Studios sta lavorando su un titolo Mad Max, che si appresta a lanciare nel 2015, poi i giocatori potranno nuovamente indossare i panni di Rico in Just Cause 3.

Fonte: segmentnext.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK