"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

Ho aspettato Batman: Arkham Knight per un lungo periodo di tempo. Ogni trailer mi fa sbavare. Ogni nuova meccanica di gioco che viene rivelata mi rende entusiasta. Ogni ritardo mi ha reso triste per un breve momento, ma fino a diventare pieno di speranza per tutto ciò che sarà espresso dal gioco.

Tuttavia, questa settimana, Warner Brothers ha buttato una bomba sul gioco che ha lasciato un gusto ancora più amaro in bocca: un season pass si sta dirigendo verso di noi. Nel mondo videoludico di oggi, i season pass per i giochi non sono certo una novità. Ogni titolo "rilascia" un season pass di contenuti per una recente versione AAA che non tira mai veramente il tappeto sotto di me.

Questo particolare season pass per Arkham Knight offre contenuti per sei mesi dopo l'uscita del gioco, che sarà a giugno, ed è stato originariamente lanciato su Twitter per includere "missioni della storia, super-cattivi ed altro ancora". WB ha aggiunto in seguito dei dettagli per quanto riguarda le skin della Batmobile, le mappe con sfida "avanzata", le skin dei personaggi e nuovi campi di gara pilotabili. Tutto per 40 dollari. Sì, avete letto bene. 40 dollari, che si traducono esattamente nei due terzi o 66 % del prezzo consigliato di 60 dollari per il cartelllino del gioco. 40 dollari: il prezzo di un pieno, completo, e di nuovissimi giochi per 3DS o PS Vita.

 

 

Io non sto criticando i nuovi contenuti che vengono rilasciati per un gioco dopo che è arrivato sugli scaffali dei negozi (soprattutto perché non sembra che ci sia la possibilità che tutto ciò rallenti presto). Il mio problema con il season pass di Arkham Knight è la sensazione che, semplicemente, non valga questa cifra. Mi rendo conto che io non sono costretto a spendere un centesimo per un season pass, ovunque e in qualsiasi momento. Tuttavia, fino a quando rimarranno vantaggiosi per le aziende, che continueranno a distribuirli, nella mia mente influenzeranno negativamente lo sviluppo dei giochi sul lungo periodo. Ho dato a WB e a Rocksteady il beneficio del dubbio ogni volta che Arkham Knight è stato rimandato. Ora dei contenuti, che potrebbero benissimo essere inclusi nel gioco principale, saranno venduti a parte. So che questo è stato discusso un milione e una volta, ma mi mancano le date di uscita dei giochi e come sarà l'intero pacchetto completo (anche se, a dire il vero, l'abbondanza di titoli indie disponibili per me sulla mia console è una buona cosa).

Non mi piace legare il valore di un gioco alla sua lunghezza, ma i contenuti inclusi nel season pass potranno davvero equiparare il 66 % del tempo che passerò con il gioco principale? Le skin, i costumi e le missioni secondarie (la cui lunghezza è attualmente del tutto sconosciuta) potranno dare più valore al mio denaro più di altre cose?

Dalla semplice logica, per via dei 100 dollari che si devono spendere per avere pienamente Arkham Knight , significherebbe che WB sta dividendo il gioco in due: mi dà il 60 % del contenuto di quello che dovrebbe essere il "pieno gioco principale". Arkham Knight non è l'unico autore del reato, ma è il più recente che mi farà lasciare GameStop, il 23 giugno, con la sensazione di aver acquistato solo una parte del gioco. Nemmeno Batman stesso potrebbe evitarmi di sentirmi un po' amaro in questa situazione.

Fonte: gamespresso.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK