"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

La console Nintendo Wii ridefinì il significato di gioco, quando venne rilasciata. Era facilmente accessibile alle masse, ed anche alle nostre nonne piaceva andare a giocare a bowling al coperto. Poi è arrivata la Wii U e la gente, stringendosi nelle spalle, aveva detto: "Che cos'è?"

Questo è stato il problema principale da quando la Wii U venne annunciata. I giocatori occasionali non capivano perché avrebbero dovuto gettare la loro Wii in soffitta per uscire ed andare a comprare una Wii U. Si tratta di qualcosa che abbiamo suggerito come esigenza da prendere in considerazione, per quanto riguarda la prossima console di Nintendo. Non siamo gli unici, se si legge quanto il nuovo presidente di Nintendo Tatsumi Kimishima ha recentemente dichiarato in un'intervista al Time, esprimendo un sentimento simile:

"Per quanto riguarda NX, ho detto che è diverso e, ovviamente, una nuova esperienza. Se guardiamo indietro, all'inizio della nostra conversazione di oggi, abbiamo parlato della transizione dall'hardware della Wii all'hardware della Wii U, e di quanto sia difficile spiegare alla base dei consumatori ciò che vi è di diverso e di nuovo circa l'hardware più recente. E' difficile convincerli a passare dalla loro piattaforma corrente a quella successiva."

 

 

Kimishima ha ulteriormente spiegato:

"Detto questo, vi posso assicurare che non stiamo costruendo la prossima versione di Wii o Wii U. E' qualcosa di unico e diverso. E' qualcosa per cui dobbiamo abbandonare queste piattaforme, per realizzare qualcosa che si rivolga alla nostra base di consumatori."
Sembra che l'NX rinunci a qualunque "Wii" nel nome, cosa per cui si può essere felici. Non si sa ancora molto riguardo alla prossima console Nintendo, ma si dice che vedremo una nuova console portatile, dal colosso giapponese.

Fonte: thegamescabin.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK