"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

La data di uscita di Battlefield: Hardline è stata posticipata al 2015, come ha riferito Electronic Arts, affermando che il team di sviluppo desiderano trascorrere più tempo per la realizzazione di questo gioco, in modo da fornire un migliore prodotto finale. Karl Magnus Troedsson, vice presidente di DICE, ha scritto sul blog di Battlefield: "Molti di voi hanno comunicato e noi ci siamo trovati benissimo. Come risultato, il team di Visceral Games ha imparato molto dai giocatori su quello che volevano nel gioco. Abbiamo analizzato i dati ed i feedback, e stiamo inserendoli bene nel gioco per condivedere tutto con voi."

"Questi feedback ci hanno inoltre spinti a riflettere su altre possibilità e modi con cui spingere ulteriormente l'innovazione di Hardline, rendendo il titolo ancora migliore. Quanto più abbiamo pensato a queste idee, più sapevamo che dovevamo inserirle tutte nel gioco intero. Tuttavia, c'era un solo problema: avevamo bisogno di più tempo, che non abbiamo, per cui abbiamo deciso di posticipare il lancio di un paio di mesi."

Troedsson ha detto che il team di Visceral Games e DICE vogliono concentrarsi maggiormente sull'innovazione multiplayer e incorporare "le idee giunte dalla comunità che faranno evolvere in fantasia poliziotti e criminali, in un'esperienza multiplayer davvero unica in Battlefield." Troedsson ha anche riferito che ci sarà anche maggiore attenzione per la campagna in single-player e per la stabilità tecnica del gioco, un problema che l'anno scorso affliggeva Battlefield 4. "Questo è stato un punto fermo per la nostra squadra fin dal primo giorno, e abbiamo intenzione di utilizzare il tempo per continuare ad ottimizzare il gioco per un lancio stabile. Abbiamo imparato molto da Battlefield 4, continuando ad apprendere dal nostro ambiente comunitario di test, e ci sarà da imparare molto di più dalla beta di Hardline. Più tempo ci permette di risolvere problemi superficiali che la squadra può tentare di sistemare prima del lancio."

Fonte: polygon.com

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK