"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Piattaforma: PC

Sviluppatore: Snowblind Studios

Genere: Hack and slash

Data di uscita: 1 Novembre 2011

Modalità: Singleplayer, Multiplayer e Coop

Supporto per il controller: No

Hack and slash ispirato all'omonima saga e basato su una storia inventata che parallelamente si svolge durante la trilogia del signore degli anelli.
La storia è ben strutturata e narrata ed è fedele allo stampo tolkiano, riprendendo sia luoghi che personaggi della saga.

Durante il gioco sarà possibile impersonificare un nano, un'elfa maga oppure un ramingo la cui scelta potrà essere volta per volta cambiata a piacimento alla fine di ogni capitolo.

 

 

Essendo un hack and slash, il gioco si concentrerà su scontri frenetici e continui contro orde di nemici globin, orchi, urukai e troll.
Sebbene il gioco possa presentare dei difetti quali la non possibilità di vestire le bot (sistema gestito in automatico), lo spostamento rapido tra località se non in punti specifici e la ripetività che si potrebbe creare dopo un po' anche a causa di un IA non del tutto brillante e dalla quasi totale presenza di un unico percorso da seguire; giocato in compagnia, fino ad un max di 3 giocatori, può risultare piacevole.

 


Inoltre, grazie ad un sistema di combattimento incentrato esclusivamente su colpi di grazia e attacchi normali con semplici click del mouse e la possibilità di cambio rapido tra armi a distanza e a mischia; i combattimenti, seppur ripetitivi, si svolgono con piena fluidità.
In 14/15 ore all'incirca il gioco può essere finito in modalità normale e non offre nient'altro se non un paio di arene e la possibilità di rifarlo ad una difficoltà più elevata.
Infine è caldamente consigliato l'uso di Tunngle se si vuole giocare con qualcuno.

Autore: Roberto

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK