"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

Dead Island è un titolo free-roaming, ''picchiaduro in prima persona'' con elementi gdr.

La trama è piuttosto deprimente, e per quanto il budget possa esser stato alto, il titolo non riesce a regalare alcuna emozione, a differenza dei vari cinematic rilasciati prima dell'uscita del gioco. (Ammetto che comunque l'ho giocato con una compagnia poco raccomandabile, comunque..)

 

Ovviamente è un titolo nato per la co-op, è molto coinvolgente durante l'esplorazione delle aree di gioco, ed è piuttosto variegato come classi, skill tree, ed equipaggiamento vario.

Il doppiaggio è penoso, e la grafica non è male, ma l'espressività dei personaggi non era quel granchè... anzi.

Il gameplay è il punto forte, molto coinvolgente, in certi casi arduo (anche se la boss fight finale era penosa), e ho sentito testimonianze secondo cui... a patto che venga giocato seriamente, può essere anche ''inquietante'' e vagamente ''spaventoso'' come gioco. Cesserà nella ripetitività molto presto, ma vi terrà incollati fino alla fine.

Insomma, tirando le somme è un titolo che andrebbe giocato co-op, e che è consigliabile soprattutto a chi vuole passare una ventina di ore a pelarsi dalle risate con gli amici, oppure a chi vuole giocare a qualcosa di spensierato e coinvolgente per quanto riguarda le meccaniche di gioco.

Voto: 7,8

Autore: Francesco

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK