"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Piattaforma: PC

Sviluppatore: GRIN

Genere: Azione, avventura, indie

Data di uscita: 17 Marzo 2015

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Anche se da bambini il nostro primo incontro con le fiabe è arrivato sotto la forma dei cartoni animati della Disney, la maggior parte di noi ha probabilmente imparato a scuola che le fiabe sono generalmente più tristi o scure, rispetto al modo in cui vengono ritratte sullo schermo. E' interessante come queste favole, nelle loro forme originale, riescono a mantenere l'interesse degli adulti, mostrando la stessa storia attraverso una lente diversa.

Woolfe: The Red Hood Diaries, lontano dalla fiaba originale ed alle eventuali interpretazioni Disney di Cenerentola o La Bella Addormentata, fornisce un'interpretazione più scura dell'originale Cappuccetto Rosso, da quello che i giocatori possono vedere.

I giocatori assumono il ruolo di Red Riding Hood, in un mondo che è molto diverso dalla foresta che conosciamo dell'originale Little Red Riding Hood. Si tratta infatti di una città industrializzata, praticamente governata da BB Woolfe delle Woolfe Industries, che producono anche dei robot schiaccianoci che pattugliano la città. Per via della misteriosa morte del padre, che quattro anni prima aveva lavorato per le Woolfe Industries, Red Riding Hood intende scoprire la verità dietro la morte di suo padre, aggirandosi furtivamente per la città e per le Woolfe Industries.

 

 

Il tono del racconto è interessante e si scopre che la fiaba originale diventa una storia quasi irriconoscibile, a corto di similitudini nei temi e nei nomi dei personaggi. Al contrario, la trama ha un tono scuro, ed i giocatori più anziani vorrebbero che le somiglianze portassero un senso di nostalgia. La storia attrae i giocatori, a parte la scritta introduttiva che afferma: "Questa non è una favola, perché non c'è nulla di giusto a questo proposito."

Il mondo di Woolfe presenta alcuni disegni originali, con un mondo industrializzato che fonde elementi fiabeschi presenti nella maggior parte delle favole, come si può notare dai ratti giganti che vagano per le strade, unitamente alla strana miscela di aggeggi meccanici sparsi per la città vicino alla fabbrica di BB Woolfe, che è ovviamente più avanzata rispetto al mondo che la circonda. Per la maggior parte, in questo modo, la grafica è in grado di tenere il passo con la vivida immaginazione dei designer.

 

 

Oltre alla trama ed alla presentazione, tuttavia, il gioco perde rapidamente ciò che di buono ha costruito. Per la maggior parte, Woolfe è un semplice platform, ma che prende qualcosa da altri generi, in un pigro tentativo di creare più varietà. La monotona pirateria e la svendita si confondono con un'eroina assolutamente impotente, che muore se i nemici aprono qualche rubinetto o che apparentemente annega in circa tre metri di acqua di fogna, per un'esperienza non molto gratificante. Se le animazioni delle morti o le voci fossero più varie, sarebbe un po' più interessante; come è, però, il gioco sta costantemente facendo del suo meglio per i giocatori.

 

 

Anche se i giocatori possono perdonare il semplice sistema di combattimento e la debole eroina, il gioco è pieno di momenti che mostrano quanto il prodotto non sia affinato. Mentre la maggior parte dei nemici, nel gioco, possono essere abbattuti con un semplice colpo d'ascia, ci sono momenti in cui, a quanto pare, diventano abbastanza forti da resistere a qualsiasi entità di colpi, abbattendo Cappuccetto Rosso con un solo pugno. La parte più irritante di questo titolo è il pigro tentativo di incorporare la furtività. In un certo punto, una porta che si apre è riuscita ad uccidere Red Riding Hood. La parte più frustrante non è stato il semplice fatto di essere ucciso ed affrontare nuovamente un boss, ma che in ogni tentativo successivo c'era questo errore del cancello. Ho dovuto riavviare il gioco e ripetere l'intero livello.

 

 

Complessivamente, la direzione di Woolfe è assolutamente corretta. Questa non è una favola, anche se le è simile. Ha un aspetto relativamente lucidato di vernice, accompagnato da una trama creativa ed intenti precisi, ma c'è poca sostanza, qui, per far divertire i giocatori. Tutto ciò che è anche solo lontanamente interessante, viene distrutto dall'approccio rozzo del gioco.

Fonte: denkiphile.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK