"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

Approfondimenti e opinioni

 

Qualche tempo prima dell'uscita di Titanfall, il capo di Respawn Entertainment Vince Zampella espresse le ragioni per cui lui ed il suo team avevano deciso che il gioco dovesse essere solo "multiplayer", ossia giocabile solo online e, ovviamente, privo di qualsiasi modalità single player. Lo sviluppatore di Titanfall aveva esaminato alcuni dati statistici, secondo i quali solo il 5% dei giocatori terminerebbe la campagna o "storia" in single player, e che l'abbandonerebbe solo dopo i primi livelli. Poi, ovviamente, si dedicherebbe alla modalità multiplayer per trascorrere in essa centinaia di ore.

 

Introduzione

Una delle caratteristiche più evidenti dell'essere umano, si sa, è l'aspetto sociale, ossia la capacità ed il desiderio di socializzare, nel bene o nel male. Esistono varie cause che spingono le persone a rapportarsi le une fra le altre e, spesso, a fare amicizia, come esistono anche delle conseguenze, ma in questa sede non si tratterà di tutto ciò. Nella serie di articoli che potrete leggere di seguito, viene presa in considerazione, ovviamente, la socialità videoludica. Questa si esprime in molte forme e, nel corso degli ultimi anni, è aumentata a dismisura in quantità, ma non sempre in qualità.

 

Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più, nuove modalità di gioco. Non ci riferiamo, per ora, a "nuovi hardware e periferiche", alla "realtà virtuale", etc. Stiamo parlando delle modalità con cui giocare ad uno stesso gioco, sulla stessa piattaforma, indipendentemente dal fatto che si tratti di una console "desktop", di un PC o di una console portatile.

 

Ubisoft era entrata in una fase in cui rilasciava un gioco di Assassin's Creed ogni anno, ad eccezione di questo. Come importante uscita di quest'anno, riceveremo Watch Dogs 2 in autunno, titolo che è "sotto pressione" per far bene.

 

Tutti i principali media che vengono rilasciati sotto forma di franchise devono alla fine affrontare la "fatica del franchise". E' il senso comune del pubblico che chiede un cambiamento. I giocatori non vogliono certamente che un franchise si trovi in una situazione di stallo.

 

Dopo aver ascoltato un podcast speciale dai miei amici, ho avuto modo di pensare ai primi giorni di Kickstarter. O, almeno, ai primi giorni della "bolla di Kickstarter". E' stato un periodo in cui chiunque aveva un'idea, concettualmente, poteva ottenere dei finanziamenti per il suo progetto senza molti problemi.

 

Proprio lo scorso fine settimana ho avuto la possibilità di andare al New York Comic Con. Durante questa visita sono stato invitato ad un evento di Square Enix per verificare alcuni dei prossimi giochi e per parlare con alcune persone che li realizzano. Tuttavia c'è stato qualcos'altro che ha dimostrato di essere per me un po' una sorpresa. Lì, nel mezzo della stanza, ho avuto l'occasione di giocare a Deus Ex: Mankind Divided sulla PS4 Pro.

 

Non ho conosciuto personalmente il franchise Gears of War fino alla fine dell'anno scorso, quando acquistai una Xbox One insieme ad una copia di Gears of War: Ultimate Edition. Anche se al momento questo gioco aveva quasi dieci anni di età, l'ho trovato più divertente da giocare rispetto alla maggior parte dei titoli del 2015.

Circa sei mesi fa, scrissi un articolo editoriale riguardo al fatto che la PlayStation 4K avrebbe avuto un elevato supporto Dynamic Range, piuttosto che un supporto 4K come ci si sarebbe aspettato. Questo perché il supporto HDR, che ora sta sfondando perché è in commercio una serie di televisori a prezzi accessibili, è un aggiornamento grafico significativo, dal momento che la risoluzione 4K fornisce un enorme aumento di definizione.

Quante volte hai sognato di poter creare un gioco tutto tuo? Un vero gioco per pc o smartphone creato da te? Quanto sarebbe bello poterlo realizzare?

Beh diciamo che a tutti è venuto in mente almeno una volta, chi può dire di non averlo mai pensato… Ma realizzare un’idea del genere sino a qualche anno fa non era per niente facile però fortunatamente, ai giorni nostri è cambiato tutto!

 

Non riuscivo a capire bene, ma mi sembrava veramente di aver già visto queste cose. Le navi degli invasori, i soldati dalle facce cupe e inespressive ed i brevi scorci di scontri a fuoco. Tutto sembrava come se avessi già preso parte a quei calci piazzati. Anche quella che pensavo fosse la voce di Bryan Cranston suonava simile alle voci precedenti. Certo, io non sono un grande fan della serie, ma il trailer di Call of Duty: Infinite Warfare mi è sembrato molto familiare.

 

Il vento lambisce il mare creando le onde ed un inquietante rumore di risucchio, quando s'infrangono sulla spiaggia desolata. Posso vedere delle torce e dei depositi di barche lungo la costa. Civiltà, forse? C'è una quantità considerevole di massi fra me e la prima darsena; alcune imbarcazioni sono grandi come la barca con cui ho navigato fin qui, ed altre delle dimensioni minori di quelle di un uomo.

 

Ho una PS4 e c'è stato un periodo in cui Rocket League era gratuito per gli utenti PlayStation Plus. In quel momento, ero molto deluso che si trattasse del gioco gratuito per il mese di luglio, e non mi ero neppure preso la briga di aggiungerlo alla mia biblioteca (follemente). Poi sono passati sette mesi. Ho visto un sacco di articoli su Rocket League, che trattavano di quanto fosse impressionante e di tutte le meraviglie che si potevano fare con questo gioco.

 

Uncharted 4 è un gioco a cui quasi tutti sono desiderosi di giocare. Ambientato 3 anni dopo gli eventi del suo predecessore, Uncharted 3, vede Nathan Drake che lascia alle sue spalle la caccia alla fortuna; non sembra voler perdere tempo aspettando che l'avventura venga a bussare alla sua porta, fino a quando suo fratello Sam gli chiede aiuto al fine di salvare la sua vita, dando a Drake un'opportunità di avventura a cui non può resistere.

 

Quando venne inizialmente annunciato il ritorno di Star Wars Battlefront all'E3 del 2013, l'annuncio esaltò il mondo di Star Wars. L'annuncio venne dato in un periodo in cui qualsiasi tipo di notizia riguardante Star Wars era una buona notizia, e quando venne mostrato il trailer, piacque a tutti. Andando avanti velocemente fino al 2016 ai giorni nostri, Star Wars Battlefront è stato rilasciato ed ha avuto anche alcuni DLC di successo.

 

I giochi focalizzati sulle modalità online si stanno diffondendo sempre più in questa generazione di piattaforme, con una serie di giochi AAA che cercano disperatamente di conquistare i giocatori per quanto riguarda le esperienze online, in luogo di quelle in single player. La promessa di contenuti DLC più flessibili e costanti significa che, in teoria, la festa non dovrebbe mai finire. Tuttavia la realtà è che molti di questi giochi, dopo un po', subiscono una battuta d'arresto.

 

L'odierna industria videoludica è una gara per vedere chi riesce a realizzare il più grande franchise sparatutto o open-world. Anno dopo anno, Sony, Microsoft, EA e Ubisoft competono con i loro IP AAA, nella speranza di trovare il prossimo Call of Duty, Halo o Mass Effect, ma negli anni '90 e nei primi anni 2000 le cose erano diverse.

 

Questa settimana sono state dette molte cose riguardo all'aggiornamento della PS4 di Sony, la PlayStation NEO. Non è più stata chiamata PS4K, ed i dettagli riguardanti la PS Neo sono stati portati alla nostra attenzione da un articolo apparso su GiantBomb. Questo mostra le presunte specifiche della PS Neo rispetto alla PS4 (dico "presunte" perché queste sono voci, dopo tutto). Ho intenzione di giocare a far finta di niente e di credere che sia tutto vero.

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK