"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "cristiano"? Game Community intende fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Cerca

 

Anteprima di Evolve

Piattaforma: PS4

Penso che sia stato un eccentrico matematico, il dottor Ian Malcom, a dire: "Se c'è una cosa che la storia dell'evoluzione ci ha insegnato è che la vita non può essere contenuta. La vita si libera, si espande verso nuovi territori e si blocca quando incontra delle barriere, dolorosamente, forse anche pericolosamente." (Comunque la teoria classica dell'evoluzionismo, quella di Darwin per intenderci, è sbagliata, come ha dimostrato recentemente anche l'epigenetica. N.d.T.). Questo modo imperfetto di vedere le cose, comunque, riassume abbastanza bene il gioco Evolve.

Da qualche tempo, mi sento un po' annoiato dagli sparatutto che escono annualmente. Evolve si sente invece subito come un qualcosa di fresco, molto più interessante, vivace ed emozionante rispetto a molti dei suoi rivali che attualmente affollano PC e console.

L'ambientazione è semplice. In un futuro, l'umanità ha raggiunto le stelle ed ha iniziato a colonizzare pianeti lontani. Essondo noi umani portati a combinare guai, abbiamo già iniziato a rovinare questi mondi lontani, costruendo immense fabbriche che sputano fumo nero e che utilizzano le risorse naturali. Tali comunità pionieristiche hanno iniziato ad incontrare resistenza, non tanto dagli abitanti nativi del pianeta, anche se a volte sono un po' ostili, ma da una forma di vita aliena che sembra decisa a sabotare tutto ciò che l'uomo costruisce. Questo è il motivo che vi fa entrare in scena. Formate squadre il cui compito è quello di proteggere gli insediamenti da tali attacchi.

All'inizio voi ed i vostri compagni di squadra vi paracadutate giù da un aereo militare che è stato attaccato. Sul pianeta gli esseri umani che hanno chiesto il vostro aiuto sono al sicuro protetti da campi di forza, in attesa che le cose si sistemino. Voi organizzate il tempo per monitorare, seguire ed uccidere il terribile mostro in agguato nell'ombra. Il concetto è dunque semplice, ma la complessità e la varietà di Evolve emergono dai suoi personaggi. La squadra è ben equilibrata e gran parte del fascino di questo gioco, per me, è rappresentato dalle loro abilità specifiche. Naturalmente, tutto ciò incentiva il lavoro di squadra, altrimenti il mostro sarebbe troppo potente e decimerebbe la squadra.

 

 

Il "party" di caccia si compone di quattro diversi individui di quattro classi: Griffin, Markov, Val e Hank. Ognuno, come si è detto, appartiene ad una classe diversa ed ha varie specializzazioni in armi e abilità. Griffin è il cacciatore, una classe particolare di Evolve. Sembra un po' un miscuglio fra Robert Muldoon, Crocodile Dundee ed un esploratore di epoca vittoriana, con tanto di tipici baffi. Fin dall'inizio, il ruolo del cacciatore risulta assai impegnativo. Si deve perlustrare il terreno, seguire le piste, ma anche guardare l'orizzonte, dove gli indizi sottili, come uno stormo di uccelli spaventati in volo, che può rivelare la posizione del mostro. Fortunatamente, le attrezzature di Griffin aiutano nella caccia al mostro, come sensori sonori che si buttano nel fango.

Quando il mostro è stato individuato, il resto della squadra è maggiormente coinvolto, ma i vostri doveri come cacciatore non sono del tutto finiti. Griffin può infliggere una discreta quantità di danni, in quanto è di un livello più basso della classe Assault, ma è prezioso per la squadra in quanto aiuta nel contenimento del mostro. La sua arma secondaria è un arpione, aiuta molto ed intrappola l'avversario e ne impedisce la fuga. E' una tattica fondamentale nella fase iniziale, quando il nemico, non ancora in possesso di tutte le sue abilità, sarà più incline a correre che a combattere.

Markov è un personaggio di assalto a tutto campo. Il suo ruolo è semplice: infliggere il maggior danno possibile. Per fare questo è armato pesantemente: un fucile d'assalto elettronico, utile a distanza, ed una pistola elettrica estremamente potente, più efficace sulla distanza ravvicinata. Le sue altre abilità sono anch'esse adatte al ruolo, come uno scudo personale che gli permette di arrivare più vicino al mostro di chiunque altro, nonché una manciata di mine che forniscono una potenza di fuoco supplementare.

La classe di supporto è rappresentata da Hank, che sostiene Markov e gli altri; è una specie di ragazzo operaio che sembra appena uscito da un cantiere. La sua arma principale è un laser per tagliare; questo infligge già un buon danno, ma è l'arma secondaria il suo forte: uno scudo proiettore che può essere usato per proteggere anche gli altri personaggi. E' un ruolo impegnativo, che richiede di distrarre il mostro mentre attacca il giocatore che in quel momento si trova in posizione di forza. Hank è utile anche un po' più indietro rispetto al luogo del combattimento, in modo da avere una visione più ampia della battaglia. Inoltre la sua capacità di occultamento, che nasconde anche i compagni di squadra nelle vicinanze, è un utile vantaggio; questo si rivela poi indispensabile quando Hank rimane l'ultimo personaggio in vita, che deve quindi sopravvivere fino all'arrivo di una nave che riporta gli altri compagni di squadra.

 

 

Infine, Val è il medico della squadra. Questa dottoressa è in grado di restituire la salute ai compagni della squadra. La guarigione può avvenire a distanza, per mezzo del "medgun", oppure da vicino, ma in maniera più potente, utilizzando la capacità ricaricabile di Val di rigenerare la salute di chi le si trova intorno. A parte questo, Val ha anche capacità offensive che aiutano a combattere il mostro. E' armata di un fucile da cecchino che può aprire punti deboli nell'armatura del nemico, consentendo a Markov e Griffin di colpire di più. Inoltre la sua pistola tranquillante non solo rende più lento l'avversario, ma delinea la creatura di un verde brillante che la rende visibile anche attraverso i muri.

Tutti i giocatori sono dotati di un elegante jet-pack, un prezioso pezzo di equipaggiamento che consente di attraversare la mappa velocemente. E' anche utile in battaglia, con la spinta che ti permette di manovrare rapidamente anche in punti stretti. Il mostro è naturalmente più veloce ed infaticabile, così il jet-pack è cruciale per equilibrare il gioco.

Questi sono i personaggi. Evolve dà il meglio di sé quando la squadra comprende l'importanza delle capacità e dei ruoli. Quando si raggiunge una certa intesa, una sorta di danza comincia ad emergere nel mezzo della frenesia della caccia. I giocatori iniziano a girare intorno alla creatura assediata, scaricando raggi di energia dai colori vivaci.

Fonte: ign.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento.

Acconsento all'utilizzo dei cookie.

OK