NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!



Sniper Elite III - Recensione - Un'ottima grafica per una buona esperienza da cecchini

Piattaforme: PC, PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One

Sviluppatore: Rebellion Developments

Genere: Sparatutto in terza persona

Data di uscita: 27 giugno 2014

Modalità: Single e multiplayer

Supporto per il controller: Sì

Animazioni e grafica ben realizzate

Un discreto gameplay

Modalità di gioco

In conclusione

Animazioni e grafica ben realizzate

Ogni volta che non stavo caricando un colpo, svuotando i polmoni, per sparare un affilato proiettile di metallo attraverso il duro cranio di un ignaro soldato nemico, ero piuttosto frustrato con Sniper Elite III. Non perchè le meccaniche di gioco siano mal realizzate od i livelli non ben strutturati, come altri elementi sussidiari di questo sparatutto in terza persona che, per la maggior parte, sono funzionali. Tuttavia, ogni azione che ha per scopo quello di tirare il grilletto, pare più un lavoro di routine che una configurazione interessante per il colpo perfetto. C'è una soddisfazione innegabile che deriva dalle impressionanti uccisioni in slow-motion che abbondano in Sniper Elite 3, ma le missioni tendono a privilegiare i silenziosi atterramenti furtivi, piuttosto che i grotteschi colpi alla testa.

Ad ogni modo la grafica e le ambientazioni sono la parte migliore del gioco. Il design dei livelli in Sniper Elite III è più aperto, rispetto ai giochi precedenti di questa serie, e avolte buoni colpi possono essere sparati anche ad una distanza di più di 300 metri. Invece di essere obbligati a seguire un percorso lineare, i giocatori possono muoversi liberamente in ciascuna delle otto zone della campagna, che si presentanop come dei piccoli mondi "sandbox, in cui è possibile essere creativi per posizionarsi nella miglior maniera possibile. Correre a capofitto in territorio nemico è comunque un'opzione sempre possibile ma, in questo caso, il brizzolato protagonista spesso ha la peggio dopo appena un paio di colpi ben piazzati. Procedere camminando silenziosamente, sovente porta a trovarsi in migliori punti di osservazione, con tanti itinerari da scegliere in un determinato livello; in sostanza il metodo con cui si vuole raggiungere l'obbiettivo dipende dal giocatore.

Un discreto gameplay

Tutto ciò, però, non fa di questo titolo un gioco "open-world". Ci sono diversi obiettivi secondari, come spegnere i fari con cui le guardie effettuano ricerche o sabotare le forniture di esplosivi del nemico, ma comunque un percorso chiaro è definito in ogni missione. Inoltre è sempre presente un segnale che identifica che a soli 200 metri di stanza si rova una cartella di intelligence, dalla quale potrebbero trarre beneficio le forze alleate, e tutto quello che dovete fare per prenderla è eliminare i soldati di pattuglia. In ogni caso non è necessario far fuori qualunque essere vivente per progredire nel gioco, ma la soddisfazione che deriva da un tiro a lungo raggio è troppo grande per lasciarsela sfuggire. Dopo esservi appollaiati in un nido di cecchino ed aver individuato un possibile obiettivo, si ha la possibilità di stabilizzare il respiro, aiutati dalla presenza di un reticolo rosso che vi mostra dove andrà esattamente a finire il proiettile. Una volta che si è sparato, la telecamera ignora l'uomo dietro al fucile, per seguire il percorso della pallottola che si avvicina all'obiettivo. Si tratta di una scena notevole, che visualizza anche il caos che ne consegue in slow-motion. Fare anche un piccolo rumore può attirare l'attenzione dei soldati nei paraggi, ma ciò che conta è la traiettoria del proiettile.

Quando il colpo arriva a destinazione, genera un entusiasmo primordiale. C'è addirittura una rapida vista a raggi X, quando il proiettile arriva alla perfezione, che spesso mostra la frammentazione del cranio. Si uccidono in questo modo centinaia di nemici ignari. C'è comunque l'ozione di non far visualizzare queste cruente animazioni. Purtroppo, in questo gioco ci sono più sezioni noiosi da effettuare in maniera furtiva, rispetto a quelle da cecchino vero e proprio, più accattivanti. I livelli sono disseminati di soldati che si attivano non appena sentono un colpo rumoroso; per questo motivo risulta spesso utile utilizzare la pistola silenziata od il coltello. Questo non significa che Sniper Elite III sia eccessivamente impegnativo; se ci si prende il tempo necessario per individuare i nemici prima di sparare, ci si può assicurare la possibilità di spostarsi in un altro punto non appena aver sparato. Se ti trasferisci con successo in un'altra zona, il gioco ti premia, anche se è troppo facile far marcia indietro in una zona in cui i nemici sono già stati eliminati al fine di riposarsi. Se si preferisce stare fermi, il rumore dei generatori o quello di un aereo di passaggio che vola sopra la tua testa, possono nascondere il rumore dei colpi che sparate, ma questi elementi non sono sufficienti ad eliminare completamente la ripetitività delle azioni stealth che spesso soffoca il divertimento.

Modalità di gioco

Strisciare lentamente per mantenere bassa la frequenza cardiaca non è esattamente un brivido, ma i luoghi che si possono esplorare hanno una grafica migliore dei primi due titoli di questa serie. Le tonalità grigie e marroni sono state sostituite da un rigoglioso ambiente africano, dove la bella luce del sole splende attraverso un fogliame dal colore verde brillante ed i margini frastagliati delle montagne, e questi panorami multicolori sembrano estendersi per chilometri. Diversi livelli di difficoltà estendono la durata di una campagna che non è il massimo, ma che vanta una delle più memorabili narrazioni della Seconda Guerra Mondiale degli ultimi tempi. Il dialogo serio e quasi mortale, unitamente ad atteggiamenti da macho, non vanno molto bene quando affiancano le folli animazioni delle uccisioni; i migliori commenti spesso provengono da un secondo giocatore, come gli applausi ed i fischi dopo un brutale assassinio, che risultano più interessanti di quanto i personaggi all'interno del gioco hanno da dire. Portare un amico in missione con voi è piuttosto facile, anche se è un po' fastidioso per via del fatto che risulta un po' difficile coordinare i colpi senza allertare le guardie; ad ogni modo l'aggiunta di un secondo cecchino crea la possibilità di utilizzare nuove strategie.

In questo titolo è inoltre presente una modalità asimmetrica chiamata Overwatch, in cui la maggior parte dell'azione ruota intorno all'individuazione e all'eliminazione del maggior numero possibile di nemici prima che le munizioni o la salute siano esaurite. Tuttavia, completare gli obiettivi della campagna principale, coordinando le uccisioni con un amico in modalità co-op, rappresenta una sfida molto più interessante, piuttosto che continuare a sparare come forsennati. Il multiplayer competitivo è piuttosto scoraggiante per le morti improvvise, in quanto un altro cecchino può farti fuori in qualsiasi momento e, dopo aver ricevuto un colpo alla testa, ti senti piuttosto impotente. Tuttavia la suddetta modalità multiplayer può essere giocata in varie maniere, fra cui quella Deathmatch e Team Deathmatch, tuttavia tutto ciò non mi ha attirato per più di un'ora o due. Per quanto riguarda gli aspetti tecnici di questa modalità online, c'è da dire che non è semplice riuscire a collegarsi in rete con altri giocatori; in sostanza non è facile riucire ad apprezzare pienamente il multiplayer su PS4.

In conclusione

Spesso mi sono trovato a riflettere sugli elementi più frustranti di Sniper Elite III, fra cui la non buona modalità di gioco online e gli aspetti di azione furtiva. Tuttavia le sequenze da cecchino vero e proprio compensano questi aspetti un po' negativi. Si tratta di un piacere superficiale, ma il disordine che può scaturire dietro ogni angolo è abbastanza divertente da mettere in risalto un'esperienza altrimenti da dimenticare.

Fonte: gamespot.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin