NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Periferiche XBox

Il nuovo super controller per la Xbox One

 

Microsoft ha avuto il suo bel da fare per migliorare quello che è generalmente considerato uno dei migliori controller per console sulla piazza. Il gamepad per la Xbox One è infatti migliore rispetto alla versione precedente, pur avendo all'incirca il medesimo design ed avendo ancora qualche margine di perfezionamento.

L'aspetto più evidente di questo nuovo controller, la prima volta che lo si tiene in mano, è rappresentato dai nuovi bordi della parte superiore delle levette analogiche. Si ha infatti una superficie in gomma dura che offre una buona presa quando i pollici spingono gli stick lateralmente, piuttosto che da sopra, e questo aiuta a fornire un'indicazione chiara ed immediata di dove si trovino le dita in relazione alla parte centrale degli stick che, oltre ad avere una diversa consistenza, sono un po' più piccoli rispetto a quelli della Xbox 360.

 

Le quattro piccole sporgenze che indicavano le direzioni cardinali, presenti sulla parte superiore delle levette analogiche del controller della console precedente, non ci sono più. Personalmente, non ne sento la mancanza, anche perchè erano un po' fonte di distrazione, sentendoli sulla punta dei pollici. La superficie degli stick non è perfettamente concava, e si adattano abbastanza bene alla forma del pollice umano, anche se non è perfetta per chi, come me, ha l'abitudine di poggiare i pollici verso il basso su queste levette.

I tasti dorsali rappresentano un altro cambiamento evidente del nuovo controller, dal momento che tutti e quattro hanno dimensioni maggiori rispetto al gamepad precedente. Per ottenere questo, i progettisti hanno quasi completamente eliminato il già piccolo spazio fra la parte anteriore e quella posteriore dei trigger, lasciando solo una sottile linea in mezzo. I trigger posteriori sono stati ampliati in maniera significativa ai lati del controller, che si assottigliano diagonalmente in modo da seguire la curva naturale del gamepad. Essi offrono inoltre una minore resistenza alla pressione, rispetto a quelli della Xbox 360, in modo da essere premuti anche per lungo tempo senza la minima fatica.

Queste modifiche ergonomiche consentono al dito indice di riposare, in maniera del tutto naturale, in una sorta di solco creato dalla protrusione verticale dei tasti dorsali. Questa posizione è comoda per cliccare frontalmente con la seconda nocca del dito e per premere posteriormente con la parte duperiore del medesimo. Si possono effettuare spostamenti più naturali delle dita fra i trigger, rispetto al controller della Xbox 360. I trigger sono stati definiti da Microsoft "ad impulso", essendo dotati di nuovi motori sonori distinti, che inviano un dolce ronzio attraverso le vostre dita. E' una bella caratteristica, ad esempio in giochi come Come Forza Motorsport 5, che utilizza il ronzio del trigger destro per indicare l'accelerazione e la vibrazione di quello sinistro per indicare la frenata. Nel complesso, il controller della Xbox One sembra avere una gamma di vibrazioni maggiore rispetto a quello della Xbox 360, ed è particolarmente evidente quando i ronzii sono deboli. Questi miglioramenti sono benvenuti, ma non essenziali.

 

La parte peggiore del controller della Xbox 360 era il D-pad circolare, che è stato sostituito con un design più stretto ed incisivo, che permette un gioco migliore dei pulsanti e meno movimento del dito. Il pulsante centrale Xbox del controller s'illumina ora con uno sfondo bianco dolce, piuttosto che con i semicerchi verdi del modello precedente. Questo significa che non si vedono immediatamente sul gamepad le indicazioni di "Giocatore 1", "Giocatore 2", etc., ma si suppone che tutti i giocatori abbiano effettuato il login con almeno un nome utente Guest per l'identificazione.

Nonostante tutti questi miglioramenti, si potrebbero far notare a Microsoft un paio di accorgimenti che sarebbero stati utili. Il primo riguarda l'aggiunta di una batteria ricaricabile. Nel 2013, richiedere due batterie AA per un dispositivo da cui ci si aspettano centinaia o migliaia di ore di utilizzo, sembra decisamente sciocco. Tuttavia Microsoft, per il prezzo di circa 25 euro, offre una batteria ricaricabile. Certamente è bello poter trasformare qualsiasi controller da wireless a wired con un cavo USB standard, se si esauriscono le batterie. E, ad essere onesti, le due batterie AA che ho usato per il mio controller Xbox One non mostrano segni di esaurimento dopo circa 15 o 20 ore di utilizzo nell'ultima settimana o giù di lì; eppure, la possibilità di ricaricare un controller in quest'epoca dovrebbe essere una caratteristica inclusa e non un aggiornamento opzionale.

Un'altra pecca della Xbox One è la porta proprietaria per le cuffie. Non solo questo ingresso blocca le decine di plug USB e cuffie da gioco standardizzate presenti sul mercato, ma non funziona neppure con quelle della Xbox 360. L'auricolare in dotazione con la Xbox One venduta al dettaglio è abbastanza funzionale, anche se un po' spartano, ma non dovrebbe essere l'unica opzione per chi ha già altre cuffie.

Fonte: arstechnica.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin