NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

In Naughty Dog il 14 % dei dipendenti è costituito da donne

Naughty Dog è uno dei più noti sviluppatori di videogiochi, soprattutto considerando quanto sono amati i loro titoli e la loro trentennale storia, costellata da capolavori. Eppure, ci sono alcune cose non ampiamente note, riguardo alla casa di Uncharted. Prima di tutto, abbiamo appreso dal Game Designer Emilia Schatz che circa il 14 % dei dipendenti di Naughty Dog è costituito da donne. In tutto sono trenta; potrebbe non sembrare molto, ma è insolitamente alto in questa industria.

Da quanto si può leggere sui vari social network, i ragazzi di Naughty Dog amano veramente il loro lavoro ma, indipendentemente dal fatto che siano uomini o donne, i loro compiti possono essere molto difficili in un tempo di crisi, come anche affermato dal programmatore Jason Gregory. "Si tratta di un lavoro d'amore, ma cerchiamo di trovare un buon equilibrio." Gregory ha anche riferito che lavorare con Sony sulla PS4 è un'esperienza piuttosto piacevole: "La PS4 è sicuramente più facile da programmare della PS3. Sony ha ascoltato gli sviluppatori e ha reso piacevole lavorare con questa console." Una cosa è certa: per noi è sicuramente un piacere divertirci con i frutti dell'appassionato lavoro di Naughty Dog, ed è anche bello vedere che questo studio spinge molto sulla diversità e la creatività.

Fonte: dualshockers.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin