NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

La versione remastered di Resident Evil e la conquista di nuovi fan

Senza provare alcun senso di nostalgia, approfondisco la conoscenza di Resident Evil HD Remaster e scopro un nuovo marchio del genere horror.

 

 

Gli appassionati dei giochi horror hanno avuto un buon trattamento questa settimana, con l'arrivo di Resident Evil HD Remaster per Xbox 360, Xbox One, PS3, PS4 e PC. Il gioco originale non ebbe effetto su di me quando uscì per PlayStation nel 1996, ed anche il suo remake per GameCube nel 2002 e per Wii nel 2008.

Tuttavia ora, dopo aver giocato a così tanti giochi survival horror, ho avuto curiosità per il titolo che ha dato inizio al genere. Così sono stato davvero impaziente per il rilascio su PC di Resident Evil. Mi aspettavo che giocarci sarebbe stato molto simile a vedere la versione rimasterizzata di Star Wars, con gli effetti speciali che non hanno interferito con la visione del film. Tuttavia, dopo aver iniziato a giocare, non ho potuto non chiedermi: "Qual è il problema?"

Sì, sembra grande, il che dovrebbe essere lo standard minimo per qualsiasi gioco rimasterizzato. Mi rendo conto anche che è passato più di un decennio da quando l'originale ed il suo rifacimento sono stati rilasciati, e questa è semplicemente una versione rimasterizzata di quella per GameCube. Si aggiunga anche il fatto che, dopo anni di desensibilizzazione, non mi spavento facilmente. Ho tenuto tutto questo in mente, quando guardavo la sequenza cinematografica d'introduzione, vedendo quella che pensavo essere una squadra SWAT di élite inviata per indagare in un territorio. Invece, mi hanno regalato una squadra che va in panico per un niente, e che urla come dei bambini delle scuole elementari quando scoprono un cadavere. Il pilota dell'elicottero abbandona la sua squadra, e Jill si blocca con uno sguardo dagli occhi di cerbiatto di fronte a quello che sembra inizialmente essere un branco di cani rognosi.

La STARS non è esattamente la forza d'attacco di élite che mi aspettavo. Poi mi rendo conto, non appena vedo Albert Wesker, che indossa gli occhiali da sole di notte, che ci sarà un improvviso ed inevitabile tradimento. Subito dopo l'ingresso in un palazzo, prendiamo la terribile decisione da B-movie di dividerci. Avanti, entriamo in una sala da pranzo, dove il mio compagno di squadra vuole cercare indizi in una pozza di sangue, e mi dice di proseguire l'esplorazione da solo. Con decisioni come questa, le nostre possibilità di sopravvivenza stavano diminuendo in fretta, ma credo che sia questo il motivo per cui un gioco si definisce survival horror.

La storia non mi ha impressionato finora, ma sicuramente il gameplay ed i controlli completamente rimasterizzati vinceranno su di me! Non è successo. Non avevo idea di quello che stava succedendo con il sistema di puntamento. Jill va in posizione di tiro, e io uso il mouse per mirare, il che la induce a puntare l'arma verso l'alto sul soffitto. Compenso spostando verso il basso, e improvvisamente lei mira in maniera orizzontale. Sembra che l'unico modo per eliminare uno zombie sia quello di puntare al suo petto, il che sfida l'unica regola che ho imparato da quasi ogni gioco di zombie che io abbia mai giocato: mirare alla testa. Ci vuole quasi un intero caricatore per abbatterlo e, quando torno in sala da pranzo, parte una sequenza cinematografica in cui il mio compagno si squadra uccide uno zombie per me. Sembra molto calmo per essere un ragazzo che ha appena scoperto che esistono i mostri, e mi fa capire che dobbiamo lasciarci di nuovo.

In quel momento ho deciso di fermare e riavviare il gioco. Avevo appena sprecato una tonnellata di proiettili su di un unico zombie ed una sequenza cinematografica si è presa cura di me. Ho provato a giocare come Chris ed ho scoperto che è armato di un coltello perfettamente inutile, non pensa di mirare alla testa e non dispone di un pratico compagno di squadra che spari per lui al primo zombie. Il resto del gioco, da quello che ho potuto vedere, coinvolge il giocatore in un qualcosa in stile Tomb Raider, con degli enigmi da risolvere, senza mai puntare la vostra arma contro qualcosa.

Trattandosi di un remake di un gioco degli anni '90, sono disposto a concedergli delle attenuanti, ma non capisco il motivo per cui la gente lo definisca uno dei migliori giochi survival horror di tutti i tempi. Sì, è il primo del suo genere, e quando qualcosa viene confrontato con se stesso, suppongo che non possa non essere il migliore. Utilizzare questo tipo di ragionamento significa che la Ford modello T è una delle migliori automobili di consumo di tutti i tempi. Merita credito per farci un giro, ma altri hanno fatto molto meglio. Alcuni diranno che non dovrei giudicare un gioco vecchio di 13 anni, nonostante il fatto che anche gradire è una forma di giudizio. Inoltre, questa è una versione rimasterizzata, quindi non dovrebbe essere immune dalle critiche.

Molti potrebbero obiettare che è impossibile per me capire il fascino del gioco perché non ho mai giocato alla versione originale. Non penso che la prima esperienza sia un pre-requisito. Se fosse così, ci dovrebbero spiegare meglio il gioco per aiutare le persone a non sprecare tempo e denaro. Ho sottolineato inoltre che il gioco originale aveva un sacco di difetti, dato che il remake per GameCube lo ha reso un gioco migliore. Inoltre, il livello di difficoltà super facile probabilmente non è stato aggiunto per compiacere i fan di vecchia data. Sono in genere un grande sostenitore dei giochi rimasterizzati, perché questo offre ai fan la possibilità di sperimentare i vecchi giochi in un modo diverso, offrendo anche l'opportunità di portare questi titoli a nuovi giocatori che si sono persi le versioni originali. Il 2014 ed il 2015 sono anni importanti per i classici rimasterizzati, che includono The Master Chief Collection, Grim Fandango Remastered e Day of the Tentacle Special Edition, fra molti altri. Alcuni giochi hanno solo bisogno di una mano di vernice fresca, mentre altri richiedono una maggiore attenzione. Dopo aver passato un po' di tempo con Resident Evil HD, penso che rientri in quest'ultima categoria.

Una delle cose che mi hanno colpito di Gabriel Knight: Sins of the Father 20th Anniversary Edition è che non si è fermato alla rimasterizzazione della grafica e del sonoro. Le aree sono state ridisegnate, l'interfaccia rielaborata e delle scene del gioco originale sono state rimosse, rendendo il tutto un'esperienza diversa per i fan, e migliore per i nuovi arrivati. Allo stesso modo, Metro 2033 Redux contiene delle scene in cui si gioca in maniera un po' diversa rispetto all'originale. Questo è il tipo di standard a cui dovrebbero tendere tutti i giochi rimasterizzati. Le cose che hanno creato dei problemi devono essere sistemate, sia per essere in linea con le più moderne evoluzioni del gioco, sia per portare nuovi fan.

Probabilmente non c'è molto che si possa fare con la trama di Resident Evil, pur conservando l'atmosfera del gioco originale. A dire il vero, la qualità dovrebbe far parte del fascino del gioco, ma sicuramente qualcosa in più si sarebbe potuto fare con i controlli. Potrebbe suonare come se stessi chiedendo un remake totale di un remake, ma in realtà affermo solo che gli sviluppatori avrebbero dovuto portare delle modifiche ai controlli. E' possibile passare fra gli originali comandi di movimento, o utilizzare quelli nuovi più precisi. In realtà non mi dispiacciono le angolazioni di spostamento, in quanto ritengo che il gioco sia mostrato dal punto di vista delle telecamere di sicurezza, e davvero non mi piace avere dei controlli che funzionano contro di me.

Anche se non c'è dubbio che le re-release siano rivolte principalmente ai fan di vecchia data che vogliono rivivere un senso di nostalgia, ci dovrebbe essere un impegno altrettanto forte per conquistare giocatori come me, che non hanno dei bei ricordi a cui guardare indietro. Se tutti noi dovessimo aspettarci che un remake sia lo stesso gioco, con una grafica migliore, non ha senso parlarne. Tutto ciò che vale la pena di dire è stato probabilmente già detto con la versione originale. Ma penso che a volte si debba alzare il livello un po' più in alto, aspettando giochi rimasterizzati che migliorino comunque l'esperienza possibile. Ci dovrebbe essere un'opzione per ripristinare i controlli originali, in modo che entrambe le categorie di videogiocatori, vecchi e nuovi, possano apprezzare i miglioramenti. Voglio capire perché così tanti fan guardano con affetto Resident Evil HD Remaster. Voglio anche essere in grado di sparare agli zombie nella testa e non avere il mio personaggio di élite STARS che sembra essere un rookie totale che non sa come puntare una pistola.

Fonte: shacknews.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...