NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!



Windward - Recensione - Una brillante fusione in alto mare di varie meccaniche di gioco

Piattaforma: PC

Sviluppatore: Tasharen Entertainment Inc.

Genere: Azione, indie, strategia

Data di uscita: 12 Maggio 2015

Modalità: Single player, multiplayer, co-op

Supporto per il controller: Sì

In Windward, gli elementi RPG, MMO e di strategia in tempo reale sono tutti presenti in un gioco di barche a vela. I giocatori navigano sui mari di una mappa generata a caso, controllando una singola nave, aggiornabile da una vista aerea. Va notato che anche se Windward offre la fusione di meccaniche di vari generi, non deve essere temuto per complessità.

Come abbiamo imparato al PAX East, è un titolo facile da apprendere, che si gioca per qualche minuto e ci si rilassa. E' estremamente facile essere assorbiti da Windward per ore ed ore, senza sentire le tensioni associate ad esperienze di gioco moderne, che sono più difficili o competitive. In base a questo, si suppone che possa essere etichettato come "casual", anche se è il giocatore che può davvero dire quanto il gioco sia facile.

Le mappe sono generate proceduralmente o create dall'utente. Ciascuna delle quattro fazioni del gioco possono essere posizionate manualmente sulla mappa, con il resto che è controllato dai pirati. Le mappe sono suddivise in sezioni quadrate, simile alle "zone" di qualsiasi gioco online, e sono divise per il controllo da parte delle fazioni presenti e dai pirati.

Ogni sezione della mappa ha una propria serie di città e di risorse, che si generano all'interno dell'area. Ciò si presta ad ovvie attività, come il commercio fra le città a scopo di lucro. Si può comprare del caffè in una citta e, grazie a dei suggerimenti, venderlo in un'alttra. Le città offrono anche missioni di base. Queste missioni seguono le linee degli MMORPG tradizionali: trasportare cose da una città all'altra o cacciare i pirati, per lo più, ma talvolta si possono fondare nuove città (nelle posizioni che desiderate) e costruire fari. Le mappe sono costruite all'inizio del gioco, ma i giocatori possono spostare il proprio profilo di capitano (con navi, capacità e tutti i progressi) in nuove mappe, se quella attuale risulta noiosa.

In Windward ci sono sei fazioni, quattro delle quali si trovano all'inizio del gioco. C'è poi quella dei pirati ed un misterioso "Sindacato", una rete criminale che si trova esplorando la mappa. Le fazioni offrono vari stili di meccaniche di gioco, che incidono sui progressi di un capitano: i Sojourn blu sono abili nella velocità e nell'esplorazione, i Valiant rossi sono esperti nel combattimento, le unità gialle rappresentano i commercianti seri, ed il Consolato verde dà il massimo come indagatore. A qualunque fazione si unisca il giocatore all'inizio del gioco, si iniziano le alleanze con le altre non piratesche. Parti della mappa sono controllate in partenza da fazioni o pirati. Il principale obiettivo del giocatore è quello di requisire sezioni della mappa ai pirati.

Le gittà vengono acquisite o perse a seconda di come gira il vento; fino a quando i pirati sono saldamente schiacciati, i giocatori potranno godere di un combattimento dinamico, mentre essi lottano per mantenere il controllo di ogni punto di ingresso. A tal fine, Windward ricorda i giochi da tavolo basati sui turni, che comportano un controllo a ping-pong dei territori critici.

Completando le missioni, i giocatori ottengono premi in denaro ed esperienza per la loro nave, ma anche un aumento di livello delle città. Ciò permette di accedere a prezzi migliori, nuove navi, equipaggi e nuovi oggetti, sbloccando le voci aggiuntive nella taverna. I punti abilità possono essere guadagnati mediante il combattimento, in ultima analisi, che fa aumentare il livello della nave e dell'equipaggio. L'albero delle abilità, in Windward, è semplice: i giocatori investono in abilità attive o passive, che sono divise in categorie difensive, aggressive e di supporto. Alcuni esempi possono includere un aumento percentuale di resistenza ai danni subiti dallo scafo o dalle vele di una nave, la capacità di sparare palle di fuoco o di veleno contro i nemici o un'aura che aumenta la resistenza ai danni delle navi alleate. A tal fine, il denaro può essere usato facilmente per assumere il controllo di altre navi NPC, per le quali si fa un'offerta; abbiamo trovato che questo aspetto del gioco è ben eseguito. Non costa molto, favorendo lo stile di gioco a volte casuale di Windward, e delle navi possono essere dirette per proteggere od attaccare punti contesi della mappa.

L'accesso a varie parti della mappa è concesso man mano che i giocatori progrediscono, con la maggior parte dei territori nemici che è dominata dai pirati. Non diversamente da molti MMO, le zone della mappa sono dipendenti dal livello, con la difficoltà che aumenta quanto più ci si allontana dalle posizioni di partenza di ogni fazione. E' inoltre possibile ottenere l'accesso a migliori articoli: scafo, vele, capitano, equipaggio, cannoni, munizioni e la nave stessa, che sono tutti aggiornabili. Oltre a questi elementi, può essere cambiato il colore delle navi, le insegne ed il colore delle vele; queste cose aggiungono un po' di fascino personalizzato per la spettacolarità in single player o multiplayer.
Dove Windward si separa dagli RPG più tradizionali, è il combattimento. L'aspetto strategico riguarda il fatto che la nave può sparare solo dai lati, dove ci sono i cannoni. Ciò significa che, invece di colpi micro-gestiti, diventa fondamentale far navigare le navi in modo che i cannoni controllati dalla IA, e le abilità attivate dei giocatori, possano assestare il colpo migliore, il tutto cercando di evitare il fuoco da altre navi.

Windward ha anche una modalità multiplayer. Altri giocatori possono unirsi a voi nel conquistare le mappe che avete realizzato, con l'aggiunta di un'atmosfera un po' informale per chi preferisce la cooperazione. Certo, non tutto deve essere amichevole. Molte meccaniche di base di Windward si sentono come un qualcosa di già visto in altri giochi, quindi non aspettatevi un gameplay innovativo. Raccogliere oggetti per ottenere le migliori statistiche, compilare il vostro albero delle abilità, ed anche le missioni, invocano archetipi conosciuti. Il controllo iniziale della nave può essere frustrante, con la fatica di evitare gli scogli e fare dei giri.

Meccanicamente, Windward dovrebbe sentirsi familiare. Dopo tutto, la sua nascita è generata da una sfida a "rubare" le idee altrui. Questo conferisce al gioco un basso livello di stress, ed un alto impegno per lo stile di gioco. Il combattimento si sente vicace e tipico degli MMO o dei giochi di strategia, con i giocatori che devono controllare le navi con precisione, per vincere in combattimento. Poiché il fuoco è in gran parte automatizzato e le capacità sono generalmente semplici, il combattimento non si sente faticoso, per il giocatore, ma mantiene ancora interesse.


I controlli esigono solo di rispettare il fatto che stiamo conducendo una nave, che pesa diverse tonnellate, ed è un'amalgama galleggiante di ferro e legno, e questo compito richiede un controllo preciso della velocità quando ci si avvicina ad affioramenti rocciosi. Il supporto multiplayer di Windward allarga gli orizzonti, in modo da fare conquiste in alto mare con i vostri compagni. Consigliamo vivamente Windward. E' facile da imparare, senza mancare di profondità, e rilassante da giocare; in qualche modo si sente simile a Cities: Skyline.

Fonte: gamersnexus.net

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin