NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Social

                                                                                         

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!



Dungeons 2 - Recensione - Dalla parte dei cattivi... con umorismo

Piattaforma: PC

Sviluppatore: Realmforge Studios

Genere: Gioco di ruolo

Data di uscita: 24 Aprile 2015

Modalità: Single player, multiplayer

Supporto per il controller: Sì

Giocando a Dungeons 2 ho capito esattamente che tipo di cattivo di turno sarei. Non ho usato l'approccio di Sauron, stanco nella mia torre, mentre un'orda di orchi indisciplinati fanno un completo pasticcio nei miei domini, accovacciata in baracche sporche. No, voglio una certa disciplina, grazie. Con alcuni individui di classe. Se ho intenzione di governare il mio regno sotterraneo, che sia almeno pulito.

L'originale Dungeon ebbe un certo successo, quando uscì nel 2011. La gente voleva un sequel di Dungeon Keeper 2, il grande capostipite del genere, ma piuttosto che seguire le stesse orme, lo sviluppatore Realmforge ha provato a realizzare qualcosa di un po' diverso. Invece di difendervi da bande di eroi, li attirate attivamente nella vostra tana, posizionando gustose prelibatezze e pile di tesori per tentare avventurieri folli.

Dungeons 2 fa tutto questo, avvicinandosi alla formula di Dungeon Keeper 2, ma riuscendo meglio nel tentativo. Questo per quanto riguarda l'innovazione. Il problema principale con la premessa del gioco originale, a parte una microgestione laboriosa, era che ti trovavi sempre in posizione passiva, con le mani in mano in attesa che accadesse qualcosa. Ammirare la vostra casa ideale in stile dungeon è divertente fino a un certo punto, ma Dungeons 2 capisce che anche i cattivi hanno bisogno di tenersi occupati.

Da qui l'aggiunta di una nuova mappa via terra, un dominio di buoni cavalieri e coniglietti felici da conquistare e schiavizzare. Invece di stufarti a stare nelle prigioni, ora hai degli obiettivi precisi a cui tendere. Prendete alcuni orchi e troll, poi mandateli nel portale di uscita dal sotterraneo, che li invierà in superficie. Qui la meccanica è una semplice impostazione RTS, senza il "guanto del dominio" lasciate raggruppare le unità, attivate alcune abilità uniche e controllate direttamente le vostre forze in tutta la mappa.

I combattimenti RTS di Dungeons 2 non sono in grado di rivaleggiare con quelli di Starcraft 2, ma in realtà non è necessario. Sono lì per darvi un obiettivo per cui lavorare e per avere un altro piatto da far girare, e funziona per entrambe le cose. Le migliori missioni della campagna in single player hanno molteplici obiettivi, che richiedono di tenere d'occhio sia l'esplorazione delle vostre prigioni, sia le potenziali conquiste in superficie. Potreste avere il compito di intercettare convogli commerciali terrestri, pur mantenendo una difesa di base efficiente, con posti di guardia e trappole mortali.

Generalmente si tratta di una transizione graduale fra le aree, ma c'è un fastidio: non è possibile selezionare un gruppo di creature, mentre siete sottoterra, in modo da inviare le vostre truppe di testa in un'area specifica dove ci sia una bandiera di convocazione che invita le singole unità. Questo può essere fastidioso se si desidera che alcune truppe continuino a lavorare nei dungeon (i goblin non sono molto bravi nel combattimento, per esempio, così di solito preferisco lasciarli delle prigioni per preparare nuove invenzioni), mentre il punto di testa di convocazione costringe a raccoglierli manualmente e rimetterli dove si trovavano. Quando ci si sposta costantemente fra la superficie e i dungeon questo può dare un po' di fastidio. Ogni creatura ha tre diverse specialità uniche, il che fornisce una discreta quantità di varietà.

Se avete già giocato ad un simulatore di prigione, saprete esattamente come si gioca per quanto riguarda le basi; potete ricavare delle camere tagliando la pietra circostante, per poi posizionare delle piastrelle sul pavimento delle camere e delimitare zone particolari. Ogni tipologia di camera è di vitale importanza per una prigione funzionante, e man mano che la popolazione cresce, dovrete ampliarla continuamente, creando fabbriche di birra più grandi per mantenere ubriachi e felici i vostri orchi, o zone in cui conservare il vostro sudato oro. Ogni unità ha una serie di bisogni e desideri che dovrete esaudire, altrimenti inizieranno a rubare l'oro o rallentare le guardie. C'è una pila di utili incantesimi per controllare le vostre truppe, e avete libero sfogo nel realizzare androni con trappole o zone fortemente custodite, per via del fatto che sono vulnerabili agli invasori. Non c'è niente di straordinariamente innovativo, qui, ma è tutto molto lucido e divertente.

La campagna stessa, anche se un po' semplice, fa un grande lavoro per introdurvi gradualmente nei punti più fini del gioco. Il vostro dungeon master, Ultimate Evil, è un enorme e goffo colosso che potrebbe distruggere interi eserciti con un colpo della sua spada, ma un gruppo di eroi buoni si è unito per lanciare un incantesimo che succhiava la forza della sua armatura, lasciando in condizioni miserevoli. E' in cerca di vendetta, ma ormai deve contare sui suoi servi per fare il lavoro pesante.

La storia è raccontata da un narratore che guida l'utente attraverso i vari obiettivi, sottolineando sarcasticamente le vostre mancanze quando perdete delle unità in una missione critica, e facendovi 8 miliardi di riferimenti alla cultura pop lungo la strada. Il doppiatore fa un ottimo lavoro per sembrare esasperante quanto ossequioso, ma le battute stesse sono un guanto di sfida fra "l'effettivamente divertente" e "l'humor dai pigri riferimenti", forse un po' troppo da vicino per i miei gusti. Uno degli antagonisti pricipali è un mago chiamato Gandeldore, che gestisce una scuola magica chiamata "Sprogfarts".

La presentazione è in genere piuttosto impressionante. C'è sicuramente stato uno sforzo concertato per rendere le cose migliori rispetto a Dungeon Keeper 2, con diversi piccoli tocchi come il modo con cui il cursore guanto può ora essere utilizzato per schiaffeggiare i servi pigri; lo stile artistico e il tono si sentono molto più coesi di quanto abbia fatto il gioco precedente. I disegni delle creature sono espressivi e affascinanti, e anche se non c'è l'attaccamento in stile XCOM alle vostre truppe, alcune di esse possono guadagnare medaglie e titoli nel corso del tempo, man mano che salgono di livello e diventano più forti. E' solo un peccato che non viene riportato fra i livelli.

Una volta che avete terminato la campagna in single player, che dovrebbe richiedere circa dieci-quindici ore per essere completata, hai delle opzioni multiplayer e skirmish per tenervi occupati. C'è una modalità di base deathmatch ed una di dominio, che premia la totale eliminazione dei vostri nemici. Forse Dungeons 2 gioca un po' in sicurezza, con alcuni degli aspetti più intriganti del gioco precedente (penso ancora che l'idea di utilizzare avventurieri troppo sicuri di sé come una forma di risorsa sia un concetto incredibilmente contorto che avrebbe potuto essere maggiormente concretizzato) a favore di un ritorno alle radici del genere di gestione sotterranea, ma è difficile criticare troppo Realmforge, dal momento che questo gioco è divertente. Anche se è abbastanza semplicistico, il gioco RTS via terra offre un vero e proprio punto di riferimento per l'espansione e la costruzione del tuo regno sotterraneo, e contemporaneamente la contorta gestione del serraglio di servitori è un divertimento coinvolgente.

Fonte: gamewatcher.com

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Login GC per commentare articoli e postare sul Forum

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Scrivici

Ciao! Se vuoi scriverci puoi utilizzare il seguente indirizzo e-mail: info@gamecommunity.it 

Se ti piace scrivere recensioni di giochi, per PC o per console, oppure altri tipi di articoli riguardanti il mondo dei videogiochi, non esitare a contattarci.

Buon gameplay!

Siti amici

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Lista degli utenti registrati in GC (commentare gli articoli e postare sul Forum)

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggStumbleuponRedditNewsvineLinkedinPinterest