NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Citizens of Earth - Recensione - RPG vecchia scuola, politica e umorismo.

Piattaforme: 3DS, PC, PS4, PS Vita, Wii U

Sviluppatore: Eden Industries

Genere: Gioco di ruolo

Data di uscita: 20 Gennaio 2015

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

L'editore Atlus si è fatto un bel nome per la pubblicazione di giochi oscuri. Se c'è qualcosa di strano o controverso, si può quasi essere certi che il nome Atlus sia legato ad esso in qualche modo. A volte torviamo dei cult che colpiscono, come Catherine e la serie Persona.
Citizens of Earth è un altro titolo strano che Atlus ha scelto di pubblicare per lo sviluppatore indie Eden Industries, e s'inserisce nella categoria di questo editore abbastanza comodamente.

Ispirato allo stile artistico dell'era degli RPG per SNES, Citizens of Earth vede una persona importante, recentemente eletta Vice Presidente del Mondo, che torna a casa di sua madre per prendersi una meritata vacanza dopo una giornata in ufficio. Oh, la vita di un uomo politico è difficile. Dopo che sua madre lo trascina fuori dal letto per andare a fare una prima colazione equilibrata al panificio e caffè locale Moonbucks, scopre presto che non tutto va bene nel mondo. La sua giornata inizia con il difendersi dai manifestanti e continua a non andare bene. Il Moonbucks salta in aria, mentre si comincia a svelare una cospirazione, con segnali di stop e coni stradali che camminano per le strade attaccando le persone, ed i servizi segreti che si sono rivoltati contro il loro amato VP!

L'unico modo per risolvere questo mistero e potenzialmente salvare il mondo, è quello di reclutare il maggior numero di persone possibile, che ti seguano e combattano le tue battaglie per te. Naturalmente il politico non prenderà parte agli scontri, potrebbe spettinarsi o danneggiare il suo sorriso impeccabile. Egli deve invece usare il suo fascino politico e conquistare le persone per farle combattere per la sua causa, completando anche delle missioni secondarie a caso per renderli felici. E' in sostanza ciò che i politici fanno comunque, con le loro vuote promesse.

Ci sono quaranta diversi cittadini da reclutare, tutti con diversi punti di forza e capacità da usare per la lotta. Il combattimento è una svolta rispetto a quelli tradizionali, consentendo solo ad un gruppo di tre persone di andare nella mischia. Nessuno dei personaggi rientra interamente nei ruoli tipici degli RPG, come ad esempio i guaritori, i combattenti, etc. La maggior parte di loro rappresenta un insieme di due o tre ruoli, oppure iniziano con un ruolo e sviluppano altre nuove abilità apprese tramite il livellamento. Ad esempio, una volta che il panettiere viene reclutato, inizia un po' come mago e diventa un guaritore e un combattente nel tempo. Se vi piacciono i combattimenti in cui la selezione del party potrebbe rappresentare il vostro destino con un particolare capo, questo gioco vi costringerà ad imparare dai vostri errori con un nuovo party appena configurato, quindi non sarete delusi minimamente (a meno che non abbassiate il livello di difficoltà per tutto il gioco).

Ogni cittadino porta anche diversi talenti a disposizione del VP. Ad esempio, assumendo suo fratello, che lavora per FedUPS, può fare ordini in qualsiasi momento, per ricostituire le forniture. Una volta che la mascotte della scuola è stata reclutata, il VP può regolare la difficoltà in qualsiasi momento. La barra della difficoltà è simile a quella che si trova in The World Ends With You, che è una barra a scorrimento che non solo rende le battaglie più facili, ma riduce notevolmente i premi ricevuti in battaglia, ed è vero il contrario quando si fa scorrere nella direzione opposta. Il cursore della difficoltà non è graduale, non importa come appare sullo schermo. Portandolo in su solo di sue tacche la punta della difficoltà aumenterà considerevolmente, ed abbassandolo di due tacche rispetto all'impostazione originale, le battaglie saranno insopportabilmente semplici. Il combattimento è l'unico aspetto complicato del gioco. C'è da lavorare, ma niente è complesso o richiede un notevole allenamento. Nemmeno reclutare i cittadini è difficile; tutto quello che serve è essere un buon giocatore di RPG, esplorare ogni zona e parlare con tutti.

Come RPG vecchia scuola, esplorare le ambientazioni non rappresenta uno sforzo significativo. Spesso ci vuole più tempo di quello che ti piacerebbe, farai molti incontri che non potrai evitare, e sarai frustrato quando ci vorranno 20 minuti solo per attraversare lo schermo. Almeno il tuo party sarà premiato per aver esplorato ogni angolo, come per l'ottenere oggetti: curativi, contanti ed esperienza. Leggendo ogni lavagna, tabellone, libro e nota, il party guadagnerà alcuni punti di esperienza in più, ed il giocatore può farsi una risatina o due per il senso distorto dell'umorismo del gioco.

Citizens of Earth sa di essere sciocco, senza rompere la quarta parete. Non è Sunset Overdrive o Saints Row IV, ma gran parte di ciò che fa ha l'obiettivo di strappare un sorriso o due. Esso prende in giro la cultura pop, sfrutta quasi ogni stereotipo sotto il sole e prende in giro la politica incessantemente. Il gioco, tuttavia, non è esente da difetti. Ci possono essere 40 cittadini da reclutare, ma sembra quasi superfluo prenderli tutti. Non ci vuole molto per scoprire quale terzetto si adatta alla vostra marmellata, soprattutto se la difficoltà è settata alla sua impostazione originale. Forse a regolazioni più dure è necessario sperimentare di più, per quanto riguarda il party. Personalmente, dopo aver reclutato dieci persone, ho avuto i miei primi tre e raramente li ho cambiati. Ho usato il resto del mio party per missioni secondarie che richiedono il loro tempo altrove.

Quando si fa l'abitudine con un party, nessuna delle battaglie si sente particolarmente difficile. Se ho reso le cose un po' più difficili, o quello che ho pensato fosse un po' più difficile, ogni battaglia è stata una morte istantanea. Bisogna trovare una via di mezzo fra il "premere X per vincere" e "mi permetta di suonargliele per fare un passo."

Complessivamente, Citizens of Earth offre un buon equilibrio di umorismo, RPG vecchia scuola ed una solida meccanica a turni. Originariamente ho iniziato la mia recensione con una copia per PC del gioco, ma ho dovuto passare alla PlayStation 4, perché la mia copia ha fallito più volte durante il salvataggio automatico. Vi posso assicurare che i checkpoint sono numerosi e generosi, così nessuno dei miei progressi è stato perso fra i crash. Sono state rilasciate alcune patch da quando ho ricevuto il mio codice per PC, quindi speriamo che il gioco non sia più afflitto da questi problemi. E' sicuramente un viaggio nel regno dei giochi di ruolo retrò che vale la pena intraprendere, non importa se su PC o su console.

Fonte: actiontrip.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin