NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Street Fighter V - Recensione - Un buon gioco, ma al lancio è carente di contenuti.

Piattaforme: PS4, PC

Sviluppatore: Capcom

Genere: Beat 'em up

Data di uscita: 16 Febbraio 2016

Modalità: Single player, multiplayer

Supporto per il controller: Sì

Ogni nuovo gioco Street Fighter porta una grande attenzione da parte dei fan di questo gioco di combattimento, che sono desiderosi di vedere nuovi personaggi e nuove meccaniche, nella più popolare serie di scazzottate con giri di quarto di cerchio del mondo. L'attenzione s'intendifica solo nel caso di un grosso e grasso titolo. Questo non è solo il "Super Ultra Turbo Chibi-Sumo Edition", questo qui è uno dei più forti, non è vero?

Street Fighter V farà certamente parlare i fan, per il nuovo sistema "V-Trigger" ed altre notevoli modifiche in tutto il roster di vecchi personaggi preferiti, che riprende particolari e strani nuovi lottatori. Ma per la prima volta, circa l'uscita di un nuovo gioco Street Fighter, la gente quasi certamente parlerà di più riguardo a ciò che manca.

Capcom ha pubblicizzato questo titolo come la prima, ultima e sola Retail Edition di Street Fighter V, dato che il gioco è un qualcosa che verrà costantemente aggiornato con patch ed aggiornamenti gratuiti, nonché con contenuti non del tutto gratis. Ciò che Capcom non ha pubblicizzato è il fatto che il gioco, uscito il 16 febbraio 2016, ha già un disperato bisogno di tali aggiornamenti. Ci sono buone notizie. I 16 combattenti presenti nel gioco sono tutti sbloccati e pronti da utilizzare. Le loro sfide si svolgono all'interno di un motore da combattimento liscio che vale certamente la pena consigliare. Il problema è che quasi ogni cosa attualmente riguardante il motore dovrebbe essere ricoperta da GIF animate di cattivo gusto "in costruzione".

Sono passati quasi otto anni da quando Street Fighter IV diede una scossa alle fondamenta del gioco. Questo "quinto" gioco (se non si contano le edizioni speciali, crossover o spin-off, ovviamente) non sembra molto diverso, a prima vista, ma divisi in parti uguali ci sono dei cambiamenti sottili ed importanti. Il nucleo del combattimento continua a ruotare intorno al movimento bidimensionale e a degli attacchi a sei tasti (tre pugni e tre calci, in base a diverse velocità di attacco). I personaggi possono ancora tirare fuori mosse "speciali" con i movimenti del joystick, resi famosi nel 1992: quarti di cerchio, Z-motion, parate in arretramento e rotazioni a 360 gradi. Tutto ciò proprio come negli ultimi titoli di Street Fighter, ma questo gioco include un misuratore "EX", che cresce nel corso di una partita; è possibile utilizzare parte della barra con attacchi speciali truccati (come il potente uppercut "Shoryuken") o consumarla del tutto con attacchi follemente potenti (come una raffica di calci che riempie lo schermo in stop-motion).

Street Fighter IV aveva un secondo contatore "vendetta" nel suo sistema di combo Ultra, ma è stato tolto e così il sistema di attacco è utilizzato per assorbire e reagire agli attacchi, con il nuovo contatore "V-Trigger". Il V-Trigger può essere attivato dopo che il personaggio perde meno della metà della sua barra della salute. Per alcuni combattenti, questo significa un potente attacco rapido (molto simile a quello precedente), ma per la maggior parte dei lottatori significa che è disponibile una "super-carica" che dura circa 12 secondi. A differenza delle combo che danno un colpo solo, il sistema V-Trigger cambia il flusso della battaglia in modo che i combattenti che sono a corto di salute hanno la possibilità di invertire l'andamento. Capcom ha anche dato un sacco di specificità alla capacità V-Trigger di ogni combattente. L'apparentemente noioso pugno di Karin è sbloccato in una serie di mosse particolari, una volta che lei è in modalità V-Trigger; l'elastico e duro Dhalsim spende tutto il suo potere V-Trigger in un enorme attacco infuocato.

I giocatori possono anche scatenare attacchi inversi, spendendo alcuni dei loro punti della barra V-Trigger, al momento propizio. Anche qui, Capcom ha dato qualche sfumatura particolare ad ogni personaggio, dal momento che alcuni combattenti possono guadagnare ed utilizzare più mosse inverse di altri in ogni singolo round.

Mi è sempre piaciuta la semplicità dell'attivazione del sistema di attacco che "assorbe e contraccambia", un'idea che ha i suoi vantaggi e le sue vulnerabilità. Anche se non sono un osservatore di tornei di Street Fighter, la manovra non sembra essere molto usata in occasione di eventi di alto livello come il torneo della PlayStation Experience di dicembre o l'evento annuale EVO. Il cambiamento che porta a questo gioco la barra V-Trigger, nonché l'anfasi posta sulle sottigliezze di specifici personaggi, si legge come se Capcom volesse sostenere il modo con cui questo gioco funziona per i giocatori super-competitivi (presumibilmente per aggiungere ancora più fascino ad ogni singola prova di forza dei vari personaggi). D'altro canto, Street Fighter V fa ben poco per tenere i giocatori per mano attraverso ciò che c'è in serbo ed è lì, dato lo stato del rilascio carente di molte cose.

La modalità storia è attualmente composta da pannelli a fumetti fissi e da dialogo parlato. Capcom ha promesso una modalità storia completa "cinematografica", che verrà lanciata gratuitamente per il gioco nel mese di giugno.

Il gioco si apre con un breve tutorial guidato dai dialoghi fra i vecchi amici Ryu e Ken, con frasi del tipo "L'essenza del pugno è il centro del combattimento!". Il controller sembra fatto su misura per le persone che non hanno mai toccato un controller per quanto riguarda questo gioco, ed insegna a Ryu come camminare verso Ken, come saltare e cose del genere. Si conclude spiegando ai giocatori come attivare il V-Trigger ed accennando al fatto che ogni personaggio ha una gamma di potenza disponibile che appare nella barra. Tuttavia non chiarisce quale sia il potenziamento di Ryu. La sua velocità aumenta? Ha nuovi attacchi o diventa più potente? La sua pelle si ricopre di effetti elettrici?
Il gioco non risponde a queste domande. Street Fighter V non viene fornito con un manuale di istruzioni digitale, e la guida del recensore che Capcom ha fornito ad Ars Technica non offre delle risposte specifiche. Per il momento, non siamo sicuri se anche le copie vendute al dettaglio non offriranno maggiori dettagli sul V-Trigger. Non ci sono altre modalità di formazione oltre al pigro allenamento che si fa contro un personaggio fittizio, fermandosi a controllare la lista degli attacchi speciali.

Qualora i giocatori vogliano praticare contro il computer o affondare i denti in una modalità single player carnosa, sono al di fuori della fortuna. Street Fighter V è dotato di una modalità "storia" che offre da due a quattro turni unici di lotta per ogni personaggio, intervallati da dialoghi banali e da spiegazioni grafiche. Nella modalità storia non si può regolare la difficoltà, che appare di default come una difficoltà equivalente" a quella "molto facile" di Street Fighter IV. Questa è una lacuna che lascia abbastanza a bocca aperta, in un gioco con cui la comunità online schiaccerà i nuovi giocatori Street Fighter con scioltezza. Capcom ha almeno offerto ai nuovi giocatori una modalità arcade tradizionale? No. Forse una serie di sfide, battaglie basate su squadra od opzioni torneo? No. L'unica altra opzione per il combattimento in single player è una modalità di "sopravvivenza", un certamente interessante tocco di combattimento solista che permette ai giocatori di scommettere fra le partite, utilizzando i punti ottenuti dal riempimento di entrambe le loro barre della salute.

Eppure, anche questa modalità non offre la possibilità di scegliere il livello di difficoltà. I giocatori possono solo scegliere il numero di combattimenti che occorre superare per vincere la modalità di sopravvivenza, ed anche se le opzioni sono "facile" (10 combattenti di fila), "normale", "duo" o anche peggio, i combattimenti presentano lottatori dalla forza casuale, che raramente si eleva al di sopra di quella "media" di Street Fighter IV, fra manovre difensive e tattiche generali. Questo è tutto per i giocatori da soli, per ora: la storia e la sopravvivenza. Nel menù c'è anche la modalità "sfide", che verrà presumibilmente attivata a marzo, che la guida del recensore descrive come una serie di "sfide con difficili combo per ogni personaggio". Più in là verrà lanciata gratuitamente "l'espansione storia cinematografica", presumibilmente nel mese di giugno. Abbiamo chiesto a Capcom se potremo mai aspettarci la selezione del livello di difficoltà, abbiamo cercato in tutto il mondo, anche sotto i cuscini del divano, ed aggiorneremo questa recensione con qualsiasi risposta.

Nella modalità online i giocatori hanno tre opzioni: "casuale", "classifica" e "salotto di battaglia". Le prime due opzioni funzionano scaricandovi in una piscina di matchmaking collegandovi ad altri giocatori che hanno scelto la stessa opzione; tuttavia, in queste modalità, i giocatori non possono scegliere contro chi combattere. Invece, devono andare in un menù a parte e scegliere un "combattente preferito", che non può essere cambiato senza uscire fuori da una ricerca di matchmaking. Durante il periodo di pre-rilascio del gioco, nonostante un elevato numero di giocatori online, il nostro più breve tempo di attesa fra una partita e l'altra è stato di 60 secondi. Il tempo di attesa medio è più vicino a 90 secondi, con un pop-up che porta in gioco l'opzione "rivincita con l'ultimo avversario", sia in classifica sia in maniera casuale, invece di rimanere sempre staccati e in attesa.

il "salotto di battaglia", al contrario, è dove ci si aspetterebbe una maggiore flessibilità, ma se ne ottiene solo un po'. Vale a dire che è possibile scegliere un diverso numero di round e che è possibile attivare la modalità di scelta di un nuovo combattente, prima di ogni combattimento. Non è possibile impostare dei tornei o altri scenari con diverse regole importanti. Più vistosamente, non è possibile impostare una lobby per altri amici o giocatori, al fine di poter far loro guardare le partite in corso, e nominare il vincitore in stile arcade. Capcom ha promesso altri otto nuovio personaggi con l'aggiornamento di marzo, ma non ha promesso altre caratteristiche o colpi di scena per il gioco online.

Fonte: arstechnica.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin