NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!



Shadow of Mordor: The Bright Lord DLC - Recensione - Buone idee ma si poteva fare meglio

Piattaforma: PC, Xbox One, PS4

Sviluppatore: Monolith Productions, Inc.

Genere: Azione

Data di uscita: 24 Febbraio 2015

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Il nuovo DLC di Shadow of Mordor: The Bright Lord promette uno scontro epico contro Sauron. E' stato in parte progettato per via della comune lamentela dei fan, riguardante il finale deludente del gioco originale.  Simile al deludente DLC Lord of Hunt dello scorso anno, The Bright Lord presenta alcune belle idee. Il problema è che sono state introdotte così in fretta che non riescono ad offrire qualcosa di realmente nuovo o eccitante.

Come Lord of Hunt, The Bright Lord si svolge in una versione ridotta della mappa originale di Mordor. La nuova campagna vi mette nei panni di Celebrimbor, il guerriero elfo che i fan di Mordor ricorderanno come lo spirito che ha vissuto all'interno di Talion. La storia di The Bright Lord si svolge migliaia di anni prima di Mordor, quindi Talion non è presente. Si ha la possibilità di giocare attraverso gli eventi che hanno portato Celebrimbor a diventare uno spirito elfo che si sposa con Talion. La campagna si svolge in una versione modificata di Udun (uno dei due mondi di Mordor), come si presentava durante il culmine del potere di Sauron. Si inizia poco dopo che Celebrimbor ruba l'anello di Sauron, il cui piano è quello di strappare il controllo il Mordor al ragazzo.
Quindi i giocatori si trovano faccia a faccia con Sauron, il cattivo più grande e cattivo dell'universo del Signore degli Anelli. E hanno l'anello a loro disposizione per aiutarli in questo. Entrambi questi fattori probabilmente suonano grandi per i fan di Tolkien. Allora qual è il problema? Ancora una volta, come Lord of Hunt, il nuovo DLC ha un sacco d'impressionante potenziale. Tuttavia diventa scadente, applicando le nuove funzionalità così in fretta ed in modo non uniforme, che non riescono ad aggiungere qualcosa di divertente per quanto riguarda la grande giocabilità di Shadow of Mordor. La sciatteria della loro attuazione rende The Bright Lord un'esperienza di gran lunga peggiore di quella che ho avuto lo scorso anno giocando a Shadow of Mordor.
In primo luogo c'è la (quasi) nuova impostazione. La versione di Udun in The Bright Lord vuole essere un luogo buio e spaventoso, dal momento che è governata da Sauron quando è inequivocabilmente il responsabile delle cose. Ma il modo con cui Monolith ha messo questo in pratica è stato solo quello di fare la mappa molto più scura. Il paesaggio è coperto da uno strato granuloso e soffocante di nubi rosse che, invece di aggiungere un senso di inquietante minaccia, si nota solo come una visione di nuovole. Questo rende difficile muoversi nel mondo aperto di Mordor e fare tutte le cose con cui mi sono divertito.

Si tratta di un espediente visivo che è divertente da ammirare per un po'. Tuttavia potete immaginarlo come giocare un intero gioco che è situato all'interno delle sequenze di visione di ciuffi della trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson. Per quanto riguarda Celebrimbor come personaggio? Be', lui è quasi identico a Talion in termini di capacità; la differenza principale è che i suoi attacchi a distanza con l'arco e la freccia non hanno lo stesso effetto di slow-motion che ha Talion. Oltre a questo, ha un piccolo numero di nuove mosse che ruotano intorno alla capacità di controllo mentale originale di Mordor, che consente di piegare gli orchi nemici e gli Uruk alla tua volontà.
Oh, e come potrei dimenticarmi dell'anello? In pratica, tutto ciò che fa è dare a Celebrimbor una sorta di capacità "bullet time" che rallenta brevemente il tempo e consente di eseguire varie attività. E' fondamentalmente solo una versione in slow-motion delle illimitate capacità di esecuzione di Talion, che si possono sbloccare nel gioco originale. Ancor più singolare è il fatto che, in The Bright Lord, Celebrimbor inizia con tutte le sue abilità speciali sbloccate. Fatta eccezione per una manciata di brevi missioni di sfida con l'anello (che sono identiche alle sfide con armi nel gioco principale), non ci sono modi per sviluppare il personaggio di Celebrimbor. E tutto ciò che si ottiene completando le sfide con l'anello è un allungamento dei tempi di rallentamento, quando si utilizza il potere "bullet time" dell'anello.
Non voglio rovinare la storia di The Bright Lord, ma la campagna è simile a Lord of Hunt. Ti è affidato il compito di marchiare a fuoco tutti e cinque i capi della guerra in Udun, per poi costringerli a combattere Sauron. La sostanza del gameplay di The Bright Lord è dunque quella d'infiltrarsi nelle fortezze nemiche e far fuori gli orchi, per poi entrare in possesso delle torri per i viaggi veloci all'interno della mappa. Ovviamente niente di tutto questo è una cosa negativa. Giocare attraverso una nuova campagna in miniatura, centrata sull'uccisione ed il controllo di orchi e Uruk nemici di Mordor, può essere un'altra scusa per aggirarsi nella meravigliosa nemesi di questo gioco. Il problema di The Bright Lord è che non ti dà molto di più di una possibilità per farlo. La campagna è molto breve e, a differenza della campagna originale di Lord of Hunt, ha un hard reset una volta completata. Mi ci sono volute forse 7 o 8 ore per completarla, anche se si potrebbe forse finire in molto meno tempo. E non è abbastanza lunga per far respirare il sistema di questa nemesi. Quindi, piuttosto che svilupparsi in qualcosa di dinamico e interessante, l'infrastruttura di Uruk presente in The Bright Lord finisce per farti affrontare una serie di sfide arbitrarie e frustranti.
Ciò che è particolarmente irritante riguardo alla brevità di questo nuovo DLC è che Monolith ha affermato che stava cercando di rendere The Bright Lord più difficile dell'originale campagna di Shadow of Mordor; una decisione che, con Sauron come capo della lotta, è stata ispirata dalla critica dei fan, riguardo al fatto che il gioco era diventato troppo facile per i giocatori che avevano sbloccato tutte le abilità di Talion. The Bright Lord è notevolmente più difficile, ma solo in modo fastidioso.

Un cambiamento importante che Monolith ha introdotto, per esempio, è che non sei più in grado di indirizzare le singole guardie del corpo di una Warchief se uno dei più ostici Uruk di Udun sta dando problemi. L'eliminazione di questa opzione toglie uno dei più efficaci (e quindi più facili) modi per rendere un duro nemico più gestibile in combattimento. Tuttavia questo significa anche che non puoi più avere una strategia creativa per affrontare un nemico difficile. Invece, si è costretti ad affrontare lo stesso gruppo di orchi di alto livello o meno allo stesso modo, fino a quando non si riesce a sconfiggerli. In modo simile, tutte le missioni e le sfide di The Bright Lord richiedono di utilizzare le abilità di branding di Celebrimbor. Quando dico tutte le missioni, voglio dire tutte. Ognuna delle missioni di The Bright Lord ruota intorno ad una sorta di sfida che richiede di sopravvivere in una battaglia per due minuti e assicurarsi di avere almeno dieci orchi di classe alta e di Uruk per tutto il tempo, oppure affrontare un gruppo di orchi in modalità stealth senza essere scoperti, o cose del genere.
Anche in questo caso, le mosse branding di Celebrimbor sono quasi identiche a quelle di Talion, con la differenza principale è che l'elfo ha alcuni modi per finire i cattivi. C'è anche una sorta di attacco ad urto che elimina una parte degli orchi nelle immediate vicinanze. Oh, e l'unico modo per ricaricare i poteri dell'anello di Celebrimbor è eliminare i più cattivi. Non importa da dove si guardi The Bright Lord,, non c'è più qualità di buoni contenuti. Il problema con la fissazione di The Bright Lord per il branding è che era la parte peggiore del gameplay di Shadow of Mordor. Le modifiche di questo DLC non fanno molto per migliorarla. Mentre c'è la possibilità, da parte del giocatore, di avere più comprimari in battaglia, questi alleati controllati mentalmente sono impossibili da controllare in maniera efficace. Sia Celebrimbor sia Talion, nel frattempo, stanno ancora attaccando orchi ed Uruk in maniera standard, il che significa che bisogna stare molto attenti durante l'esecuzione di combo corpo a corpo standard, se si desidera mantenere in vita, il più a lungo possibile, gli alleati controllati mentalmente.
Alla frustrazione esistente, si aggiunge il fatto che Monolith ha ottimizzato il sistema sanitario di Mordor per The Bright Lord, in modo da dover uccidere orchi di classe alta ogni volta che si desidera guarire. Gli sviluppatori non hanno aggiunto nuove funzionalità che potrebbero rendere la gestione del piccolo esercito di orchi di classe alta migliore e quindi più divertente, nel frattempo. Questi fattori rendono l'esperienza legittimamente più difficile del gioco originale, ma solo nei modi peggiori possibili.
Infine, per quanto riguarda la resa dei conti con l'iconico cattivo Sauron? Ancora una volta, non voglio rovinare nulla. Quindi mi limiterò a dire che il boss finale non vale la fatica necessaria per arrivare ad esso. Ciò che ha reso deludente il culmine di Mordor era che si trattava di un modo privo d'immaginazione per riassumere le caratteristiche più provocatorie del gioco. La battaglia di Celebrimbor con Sauron ripete lo stesso errore, anche se in modo leggermente diverso.

La novità introdotta da The Bright Lord non è esattamente brutta. L'anello del potere ed i poteri di branding di Celebrimbor sono divertenti da utilizzare, quando riescono a migliorare con garbo il combattimento già solido di Mordor. Ma ogni volta che ho notato che mi stavo divertendo, per esempio uccidendo i cattivi in slow-motion, non ho potuto fare a meno di pensare a quanto sarebbe più piacevole avere accesso a questo potere nell'originale campagna di Shadow of Mordor. Come in Lord of Hunt, le migliori idee di The Bright Lord finiscono semplicemente per essere sprecate, perché sono chiuse dietro un'arbitraria barriera virtuale di una campagna indipendente, che non è affatto bella come il gioco di base.
Come ultimo DLC del Season Pass di Mordor, The Bright Lord mette uno dei migliori giochi del 2014 a riposare su una nota di disagio. Mi è piaciuto Shadow of Mordor, così come sono stato deluso nel vedere il suo sviluppatore costruire, sul suo lavoro originale, in un modo così banale. Spero che tutto ciò che Monolith realizzerà dopo Mordor presti una maggiore attenzione a ciò che ha reso il loro lavoro originale una tale gioia da giocare.
Fonte: kotaku.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin