NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

Battle Princess of Arcadias - Recensione - Un RPG d'azione interessante, ma non eccellente.

Piattaforma: PS3

Sviluppatore: Apollo Software

Genere: Azione

Data di uscita: 17 giugno 2014

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Un passatempo non deve necessariamente essere trascendente per rendere piacevole l'esperienza. Finché c'è un gancio, qualcosa da cui essere affascinati per tutta la durata del viaggio, è abbastanza facile sorvolare sui piccoli inconvenienti e godersi il viaggio. Nel caso di Battle Princess of Arcadias, questo gancio non si manifesta mai veramente.

L'azione di gioco di ruolo presenta delle buone idee, ma nessuna è abbastanza coinvolgente per gettarsi a capofitto. Non tutti i giochi di ruolo hanno delle grandi storie, ma la trama e l'interazione con i personaggi sono le caratteristiche del genere. Battle Princess of Arcadias rifugge questa tendenza, con un racconto che, al massimo, è irrilevante. In realtà, lo sviluppatore ha pensato così poco a quest'avventura, tanto da inserire un'opzione per disattivare del tutto la narrazione. Questa opzione si rivela allettante, dal momento che la storia è vacua ed offre ben poco da assaporare. L'avventura è intessuta di molti luoghi comuni, tipici degli anime, e riguarda una missione per salvare la terra dal male. Lungo la strada ci sono molti dialoghi, in gran parte prolissi, a cavalcioni di un certo umore negativo che scava di tanto in tanto in un territorio inquietante e potenzialmente offensivo.

Anche se la storia non è certamente affascinante, l'aspetto estetico lo è certamente. Evoca ricordi di Odin Sphere, con splendidi effetti visivi stilizzati ed una luminosa quanto allegra tavolozza di colori. In realtà, l'intera esperienza ricorda un po' il classico Vanillaware per PlayStation 2, il che non è male. Sapete, fino a quando le vostre aspettative sono temperate. Le battaglie sono il vero punto focale dell'esperienza, però, e sono disponibili in tre forme distinte. La modalità di combattimento normale vede i giocatori che assumono il ruolo di tre eroi in battaglia, che per un po' è una rissa vagamente goffa a scorrimento laterale. Ogni personaggio ha uno stile di combattimento unico: si va dall'agile arciere ad un goffo chitarrista, che i giocatori possono scambiare.

Inizialmente questo gioco sembra uno standard beat 'em up, ma le cose si fanno più interessanti con l'introduzione delle modalità Skirmish e Siege. Proprio come nei combattimenti, la modalità Skirmish vede tre protagonisti che entrano nella mischia. Tuttavia, essi sono sostenuti da un trio di brigate, ognuna specializzata all'uso di un'arma particolare. Le schermaglie presentano una natura più tattica, con i giocatori che dovranno selezionare le unità in base ai punti di forza e di debolezza del nemico. Poi, mentre i nostri eroi sono impegnati in una rissa in primo piano, queste brigate si scontrano sullo sfondo, il che richiede ai giocatori d'impegnarsi in una specie di giocoleria. Oltre a posizionare le truppe in vostro favore prima della battaglia, i giocatori avranno bisogno di sapere quando ritirare le unità, dal momento che il nemico cercherà costantemente di contrastare le vostre mosse e macchinazioni.

Gli assedi sono simili alle schermaglie, ma vedono tutte le brigate in campo contemporaneamente, impegnate a combattere contro un potente boss. Affrontare queste creature formidabili può comportare alcune rettifiche, dal momento che i boss possono abbattere con facilità le brigate deboli ed i personaggi di basso livello. Sono state queste sequenze ad insegnarmi il valore della difesa. Ad un certo punto, mi sono reso conto che potevo bloccare gli attacchi [...] e scatenare un mio potente attacco. Questo piano di gioco ha reso la battaglia un po' noiosa, ma ha avuto successo dove le strategie più aggressive hanno fallito.

Questi aspetti dei combattimenti caratterizzano l'esperienza. Bisogna sgobbare. Anche nei suoi momenti migliori, con melodie assassine di battaglia, magnifiche immagini e concetti di gioco intriganti, Battle Princess of Arcadias può essere pesante. Manca di fluidità e l'interfaccia è spesso troppo scomoda o rigida, per le esigenza di gioco dei giocatori. Non è mai insormontabile, ma è spesso frustrante.

Battle Princess of Arcadias è un competente RPG d'azione. Al di là della narrazione logora e mancanze riguardanti i personaggi, alcuni sistemi di battaglia sono interessanti e presenta delle belle qualità estetiche. Purtroppo, non mantiene le promesse per via di questo potenziale sprecato, non riuscendo a distinguersi dagli altri giochi o presentare qualcosa che chieda veramente la vostra attenzione. In sostanza è un buon gioco, può essere leggermente sopra la media o semplicemente inoffensivo. I fan del genere dovrebbero divertirsi un po', ma gli altri potrebbero non apprezzarlo.

Fonte: destructoid.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin