NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

I giochi "multigiocatore di massa": le molte varianti di questi (s)conosciuti.

Ormai le piattaforme su cui ci si diverte con i videogiochi sono molte: PC Windows, Mac, PC Linux, le ormai (quasi) pronte Steam Machine, gli smartphone, i tablet, le console "desktop", le console portatili, il binomio console-mobile, i giochini in "flash" da usare con un semplice browser web, la realtà virtuale... Inoltre, anche le modalità di gioco, negli ultimi anni, si sono arricchite di nuove possibilità: una fra tutte, il multiplayer online. Il multiplayer offline, la cosiddetta modalità "co-op" o cooperativa, invece, esiste da parecchi anni, fin dalle macchine "coin-op" o da sala-giochi, caffetterie incluse.

All'inizio il multiplayer online, diffusosi soprattutto grazie all'aumento delle velocità di connessione ad Internet, sia in download sia in upload, era una prerogativa dei Personal Computer, ma da diversi anni a questa parte si è diffuso anche nel variegato mondo delle console e dei dispositivi mobili in genere.

Fra le diverse varianti si possono citare i MMOG o, più semplicemente, MMO, ed i MMORPG. Cosa significano questi acronimi? Rispettivamente: Massively Multiplayer Online Game o Multigiocatori di Massa Online e MMO Role Playing Game, ossia giochi di ruolo da giocare online.

I giochi "online" possono essere di natura "nativa", ossia creati apposta per questa tipologia di utilizzo (gratis o a pagamento), oppure essere un'opzione particolare di un gioco che si può (meno male) giocare anche offline, solitamente nella modalità definita "single player" o, al massimo, co-op. La maggior parte delle persone che leggono questo articolo, probabilmente, conosce bene tutto ciò, ma è utile fermarsi un attimo a riflettere. Perchè stanno proliferando sempre più tutte queste tipologie videoludiche? Innanzitutto per il progresso, ormai esponenziale, della potenza delle piattaforme utilizzate, senza contare il citato aumento della velocità delle connessioni in rete, sia via cavo sia via radio, ossia Wi-Fi.

Consideriamo un momento l'aspetto "psico-sociale" più importante che riguarda questi nuovi giochi. A questo proposito, essenzialmente, ci sono due "scuole di pensiero": c'è chi sostiene che le persone (più o meno giovani) che trascorrono molte ore a divertirsi a distanza con "amici invisibili o quasi" rischino una sorta d'isolamento. All'opposto, c'è invece chi sostiene che questo tipo d'intrattenimento "telematico" possa essere utile per fare nuove conoscenze o addirittura amicizie. In questa sede non s'intende dare ragione né ai primi (che però la sanno lunga...) né ai secondi, considerando però il fatto che tutto ciò rappresenta la classica punta dell'iceberg di un caratteristico "habitus mentale" che mira sempre più a diffondere la filosofia dell'essere "always online" ossia "sempre online". Smartphone, tablet, smartwatch... tutto ciò vuole spingere sempre più il genere umano verso una "connessione globale" che, spesso, non unisce veramente le persone, con il risultato di "spersonalizzare" uomini, donne e bambini.

Per finire (ma ci sarebbero molte altre cose da dire...) citiamo altri esempi di MMO: oltre ai suddetti MMORPG (Massively Multiplayer Online Role Playing Game), ci sono i MMOFPS (Massively Multiplayer Online First Person Shooter), i MMORTS (Massively Multiplayer Online Real-Time Strategy), i BBMMORPG (Browser Based Massive Multiplayer Online Role Playing Games) ed i MMMOG (Mobile Massive Multiplayer Online Games, da giocare su dispositivi mobili come gli smartphone).

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin