NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

2012 - 2013: la "bolla" di Kickstarter

Dopo aver ascoltato un podcast speciale dai miei amici, ho avuto modo di pensare ai primi giorni di Kickstarter. O, almeno, ai primi giorni della "bolla di Kickstarter". E' stato un periodo in cui chiunque aveva un'idea, concettualmente, poteva ottenere dei finanziamenti per il suo progetto senza molti problemi.

Il sito, ed il crowdfunding in generale, erano già online nel 2012. Solo quando è arrivato sulla scena Tim Schafer, però questi sono diventati nomi familiari. Durante i primi due anni o giù di lì, un bel paio di giochi sono stati finanziati con questo modello. Certo, un buon numero ha fallito, ma alla fine quello è stato il momento dei "grandi indie". Dai primi mesi del 2012 e per la maggior parte del 2013, un progetto poteva ottenere facilmente una somma a sei cifre solo con poco più di una promessa. Alcuni sono riusciti ad arrivare a sette cifre, nel caso di grandi nomi come Schafer e Brian Fargo. Anche progetti più piccoli sono stati in grado di raggiungere un paio di obiettivi senza molti problemi.

Un sacco di progetti Kickstarter ha attraversato questo "periodo di picco". Piccole e grandi campagne sono riuscite ad ottenere finanziamenti in maniera relativamente semplice. Anche progetti meno noti come Infamous Quest (Quest for Infamy) e Warbird Games (Jack Houston) hanno ricevuto una quantità rispettabile di denaro. Purtroppo, un buon numero di progetti non è riuscito ad avvicinarsi all'obiettivo che si proponeva. HeXit, Sam Suede ed altre avventure sono state afflitte da pochissimi finanziamenti.

Questa "bolla" è cresciuta fino a quando non sembrò scoppiare nel 2014. O, almeno, iniziò a sgonfiarsi. In entrambi i casi, oggi è difficile vedere un'idea che venga finanziata. Anche i migliori progetti fanno fatica a raggiungere l'obiettivo di base. Ma questa è una storia per un'altra volta.

Lo scoppio della bolla

Da Double Fine Adventure a Shadowrun Returns, ai titoli Sierra come Leisure Suit Larry Reloaded ed altri, abbiamo visto un sacco di giochi che hanno utilizzato Kickstarter ottenendo vari gradi di successo. Pare che lo scoppio della bolla si sia verificato nel periodo in cui diversi titoli dovevano essere rilasciati. Ancora oggi ci sono giochi in abbondanza che sono in attesa di una versione alpha, per non parlare di una versione pubblica.

L'incoerenza, in termini di qualità delle campagne, insieme a molti giochi ancora nel limbo, ha fatto sì che i sostenitori diventassero diffidenti. In sostanza, la bolla è scoppiata nel corso degli anni, e si è conclusa con dei sostenitori frustrati che vorrebbero vedere qualcosa per i soldi che hanno investito. Un numero minore di persone sono disposte a fidarsi del crowdfunding fino alla realizzazione del progetto, il che a sua volta ha causato la sospensione nel tempo di più progetti.

L' "età dell'oro" del crowdfunding è praticamente arrivata e andata via. La "novità" Kickstarter ha raggiunto il picco ed è calata in fretta. Sempre meno campagne stanno vedendo il successo travolgente che i titoli precedenti hanno ottenuto. E fino a quando non vedremo una stabilità di giochi di qualità, non penso che questa bolla torni presto.
Il futuro del crowdfunding

A che punto siamo, oggi?

Direi che in questo momento Kickstarter è un po' in uno stato di transizione. Meno persone appoggiano i giochi, ma questo è in gran parte dovuto al futuro incerto di titoli che devono ancora essere rilasciati. Più progetti che vedono la luce del giorno, e più vengono rilasciati, più questo può significare la differenza fra il formarsi di una nuova bolla o il crollo totale del crowdfunding o, più probabilmente, una normalizzazione di tutto il settore.

Qui sono un po' iperbolico, ma in questo momento il futuro del crowdfunding è davvero per aria. Solo le più grandi campagne verranno finanziate. Questo significa che le squadre più piccole rimarranno inosservate da tutti, tranne che dai siti specializzati. Già nel 2012 si vedeva una maggiore copertura della corrente principale da parte dei siti di giochi. Oggi non tanto.

La storia di Kickstarter va molto più in profondità di questo sguardo di base al passato. Tuttavia, in base a quello che ho visto da quando sono diventato un sostenitore di giochi, questo è un buon inizio. Forse dovrò scavare più a fondo, in futuro, per osservare le tendenze, ma per ora so questo: il crowdfunding è diminuito un po' in popolarità, ma le bolle scoppiano sempre, e le bolle possono gonfiarsi di nuovo. Solo il tempo ci dirà come sarà il futuro di questo fenomeno.

Fonte: cliqist.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin