NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Menù principale

Game Community Network

     

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3             In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!



Stardrop - Anteprima

Piattaforma: PC

Stardrop, realizzato dallo sviluppatore di giochi indipendente Joure Visser, non è il tipico gioco di esplorazione spaziale. Ispirato dalla sua famiglia, Visser ha l'obiettivo di creare un gioco che piaccia a grandi e piccini.

L'amore di sua moglie per i giochi di Zelda ed il desiderio di voler creare un gioco a cui possano giocare i suoi figli nel giro di un paio di anni, ha significato per Visser riempire un vuoto nel mercato dei giochi, cioè di realizzare un qualcosa di non violento, familiare ed amichevole. Il suo intento è di evitare la stupidità da cartone animato di molti giochi per bambini, offrendo un gioco con un look più maturo. Egli vuole anche fare un gioco che possa trasmettere dei concetti filosofici attraverso la storia ed il personaggio, evitando eventuali elementi predicatori. Stardrop è inteso come un gioco di esperienza e di divertimento.

Questi desideri sono diventati un oggetto tangibile e fisico con lo sviluppo di Stardrop. Il gioco si svolge in un lontano futuro, in cui l'esplorazione dello spazio e l'esportazione di beni sono diventati un grande business. Lo spazio è vasto e pieno di pericoli sconosciuti e, nonostante le migliori caratteristiche di sicurezza, le navi si perdono ancora. E' stato realizzato un settore di salvataggio e soccorso nello spazio. In questo contesto, il gioco introduce due personaggi, John Kindley, che pilota la nave e ne è l'armatore, e Aryn Vance. Vance ha un sesto senso di cercatrice che le permette di trovare qualcosa da salvare, spesso navi spaziali, meglio di chiunque altro.

L'estetica del gioco ricorda una varietà di memorie di fantascienza. Dal punto di vista visivo, il gioco presenta molti colori primari in stile Lego, mescolati con la sensibilità di progettazione di Rob Cobb, che ha realizzato molte ambientazioni di Alien. Nella nave di Aryn tutto è modulare, e ci sono macchinari dal look pesante, il tutto con linee taglienti ed ingombranti. Questa è sicuramente una nave progettata per i lavori pesanti e non c'è molto in termini di lusso. Per quanto riguarda i movimenti, quando Aryn indossa la sua tuta spaziale, si ottiene un'atmosfera da 2001 Odissea nello spazio, tipica delle sequenze in cui Dave Bowman si muove nello spazio e c'è il suono del suo respiro dentro la tuta. Aryn si muove inoltre producendo un rumore con i suoi stivali magnetici. La sua visiera fornisce funzioni di visualizzazione multifunzione, nonché di scansione e monitoraggio visivo per le aree difficili da vedere. Lei comunica con John tramire la tuta ed ha un dispositivo simile a un PDA, che visualizza degli obiettivi mediante la pressione di un tasto.

Stardrop è un progetto Kickstarter e dal sito si può trovare una demo da scaricare, in configurazione a 32 o 64 bit. La demo contiene ciò che si riduce ad una sessione di allenamento, che permette al giocatore di familiarizzare con le meccaniche di gioco, con la scoperta di una nave sconosciuta, la vestizione di Aryn, la risoluzione di alcuni problemi meccanici sulla nave, finendo con l'ingresso in una camera di compensazione a bordo della nave sconosciuta. Il gioco si controlla bene, anche se la lentezza del camminare, e la limitata capacità di correre per brevi distanze, finiscono per essere un peso per lo stimolo di andare avanti.

La storia ed il background dei personaggi sono interessanti e, come avviene nei giochi basati sulla narrazione, la demo ti lascia con il voler sapere di più sui personaggi ed il mistero a portata di mano. Un elemento raccapricciante del gioco, intenzionale o meno, sono dei manichini di androidi che eseguono dei crash test a servizio della nave madre. Con i loro occhi luminosi e bianchi, e con le tute arancioni, creano dei momenti inquietanti attaccando il giocatore in modo casuale. La demo include anche un livello bonus, in cui ci si deve muovere furtivamente, evitando gli androidi, per ripristinare l'alimentazione. Assicuratevi di dare un'occhiata a questo gioco finanziato tramite Kickstarter, il quale promette il supporto VR ed una narrazione non ripetitiva.

Fonte: cogconnected.com

Cerca nel sito


Utenti registrati in GC Social

Ultimi 40 articoli

Tutte le recensioni

Condividi questa pagina di Game Community

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli pubblicati su GC Recensioni

Articoli pubblicati su GC Recensioni

GC Recensioni, ovviamente, si occupa di recensioni... in mezzo ci sono comunque altri tipi di articoli. La novità principale di questo sito del network di Game Community è il fatto che gli utenti registrati possono autopubblicare le proprie recensioni di videogiochi. Anche tu puoi essere un recensore, ma forse lo sei già!

Ultimi articoli

Written on 22/10/2016, 21:30
considerazioni-sui-giochi-che-hanno-la-modalita-multiplayer-offline-con-i-bot Nel corso dell'ultimo decennio, il mondo videoludico ha saputo offrire ai giocatori, sempre più,...
Written on 22/10/2016, 15:58
lo-sviluppatore-di-rime-afferma-di-non-avere-problemi-di-sviluppo-con-il-gioco RIME è un gioco che venne annunciato nel lontano 2013, ma da allora scomparve...
Written on 22/10/2016, 15:55
data-di-uscita-prevista-per-la-versione-ps4-di-crash-bandicoot La collezione di giochi Crash Bandicoot Remastered per PS4 potrebbe avere una data di...
Written on 22/10/2016, 15:52
la-generazione-procedurale-in-star-citizen Secondo Chris Roberts, presente al CitizenCon, il gioco ha ora un sistema completamente nuovo...
FacebookMySpaceTwitterDiggRedditNewsvineLinkedin